Gb, Cardini: "Anche lì i vecchi partiti arrancano, a unire resta solo la corona"

07 maggio 2015, Marco Guerra
Gb, Cardini: 'Anche lì i vecchi partiti arrancano, a unire resta solo la corona'
“Anche gli inglesi non percepiscono più la divisione tra destra e sinistra ma il popolo trova appartenenza e identità nella monarchia”. Così il prof. Franco Cardini commenta per IntelligoNews la grande incertezza che accompagna il voto politico in Gran Bretagna. 

Cardini per la prima volta anche la Gran Bretagna si appresta a questo voto con una grande incertezza…  

«Significa che i due grandi partiti hanno esaurito la loro funzione di rappresentanza delle classi sociali di riferimento. Anche gli inglesi non si rivedono più nelle vecchie formule politiche del bipartitismo, che era lo specchio della situazione della guerra fredda con il mondo diviso tra le democrazie liberali e il blocco comunista. Uno schema che in Italia non fu importato perché da noi c’è sempre stata l’abitudine a serrare le fila intorno all’indicazione prevalente in quel momento, da Giolitti fino a Renzi, passando per Mussolini, De Gasperi, Craxi e Berlusconi. Ora anche la Gran Bretagna è alla ricerca di nuovi equilibri e le presenze carismatiche fanno la loro differenza». 

Quindi anche il Regno Unito rischia una fase di instabilità?  

«In Gran Bretagna però esiste ancora un forte elemento identitario capace di unire, ovvero la corona. Tant’è che il referendum per l’indipendenza della Scozia è fallito proprio perché il Partito nazionale scozzese ha proposto un modello repubblicano qualora fosse passato il quesito referendario. Anche l’entusiasmo suscitato dalla nascita dei Royal Baby è significativo di questo sentimento di vicinanza alla monarchia, considerata come un elemento di riconoscimento di alto valore da gran parte della popolazione»

Quindi la Gran Bretagna resta un unicum in Europa con un piede al di là dell’Atlantico?  

«Da dopo la Seconda guerra mondiale l’Atlantico è molto più stretto, in fondo il blocco occidentale si fonda sull’asse Washington – Londra. L’Ue per gli inglesi non è una realtà politica definita, d’altra parte è difficile creare senso di appartenenza in una realtà che va dal Portogallo al Baltico».

Ma in caso di pareggio Cameron e Miliband daranno vita ad un governo di coalizione? 

«I governi di coalizione sono di natura transitoria per definizione. Durano poco perché sono fondati sulla fiducia reciproca ma alla fine una parte prevale sull’altra. Bisogna vedere quale sarà la forza contrattuale di Cameron. Probabilmente farà buon viso a cattivo gioco se non ha alternative. Ma se si vuole rafforzare la immagine e l’azione di governo bisogna avere una visione strategica e non tattica. E poi anche Cameron ha diversi fallimenti da farsi perdonare, primo fra tutti lo scellerato intervento in Libia deciso insieme a Sarkozy a cui vanno imputate molte cause del fallimento delle primavere arabe». 

Il voto britannico avrà ripercussioni in Europa?  

«Grandi ripercussioni non ne vedo. Anche perché la Gran Bretagna non è mai entrata nell’euro e, viste le condizioni, non credo che succederà mai nel breve-medio periodo. L’unica ripercussione potrebbe essere l’uscita dall’Ue ma non credo che questo avverrà, la campagna elettorale è stata infatti più dominata dal tema delle politiche sociali». 

Eh sì, il welfare state è stato anche al centro degli appelli finali al voto…  

«Certo perché dopo l’era della Thatcher i politici hanno fatto finta di pensare che la gente si fosse rassegnata a non avere scuola, sanità e servizi pubblici, ma non è così! Quando si recano in clinica le persone percepiscono il peso delle politiche liberiste sul loro portafoglio. E anche la scomparsa del ceto medio e l’aumento della forbice tra ricchi e poveri stanno portando i britannici a non sentire più la divisione tra destra e sinistra. Tutti i governi che si sono susseguiti hanno tagliato le spese sociali e demandato i servizi fondamentali ai privati. Anche per questo in molti non sono più disposti a votare i partiti tradizionali».
autore / Marco Guerra
Marco Guerra
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]