Bomba di Visco a Renzi: "Rischio disoccupazione di massa"

07 maggio 2015, Luca Lippi
Bomba di Visco a Renzi: 'Rischio disoccupazione di massa'
In arrivo una bordata (involontaria o meno non c’è dato di sapere) di Ignazio Visco (Governatore di Bankitalia) che in un intervento presso l’aula magna della LUISS poche ore fa ha affermato “rischiamo una disoccupazione di massa”. 

In realtà la frase si estrae da considerazioni più articolate ma che incontrovertibilmente sono critiche sulla politica degli ultimi anni e degli ultimi governi, frenando gli entusiasmi del premier Renzi in merito alle sue riforme. Senza innovazioni e investimenti nel capitale umano “rischiamo una disoccupazione di massa”, ha precisamente detto il governatore della Banca d’Italia. 

Aggiunge Visco che creare lavoro senza creare condizioni necessarie e sufficienti all’innovazione non può che formare una generazione prossima alla disoccupazione cronica. Secondo il governatore di Banca Italia “anche parte dei lavori dell’industria manifatturiera italiana scompariranno” nei prossimi 10-20 anni. 

Aggiunge nel dettaglio: “Uno dei limiti più grossi per cui le imprese italiane non hanno colto i vantaggi della globalizzazione e non sono state dietro al cambiamento tecnologico, sta nella natura delle imprese ma anche nell’ambiente esterno. Se anche si creasse un ambiente favorevole alle imprese e un cambiamento di mentalità, ci troveremmo comunque con un forte ritardo culturale”. 

Il governatore di Banca Italia poi ribadisce: “l’alfabetizzazione degli adulti italiani è molto bassa: il 70% degli italiani non comprende ciò che legge o non sa come usare le informazioni scientifiche e tecnologiche che possiede. Siamo molto indietro”. 

Conclude: “Non è importante solo fare innovazione, quanto piuttosto saperla prendere l’innovazione”. Quale sarà il meta messaggio inviato a Renzi?
autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]