Con SkinTrack la pelle è un controller touch, ma occhio al consumo energetico

07 maggio 2016 ore 10:32, Americo Mascarucci
Arriva SkinTrack la nuova tecnologia che trasforma la pelle della mano e del braccio in un controller touch. 
Il nuovo innovativo sistema è stato sperimentato presso il laboratorio di ricerca "Future Interfaces Group" della Carnegie Mellon University tutto dedicato al settore hi-tech,. 
La soluzione che il team propone con questa idea è quella di ovviare il problema dei display degli smartwatch, spesso troppo piccoli per garantire una comoda fruizione dei contenuti. 
Il sistema SkinTrack è composto da due elementi. 
Il primo è un anello che emette un segnale AC ad alta frequenza (80 MHz) nel dito sul quale è indossato. Il secondo è un wristband, indossato sul braccio opposto, che rileva il segnale. Quando il dito tocca la pelle del braccio o della mano, il dispositivo misura la differenza di fase dovuta al ritardo della propagazione del segnale rilevato dagli elettrodi integrati nel wristband. Questa differenza viene quindi convertita in coordinate 2D. Il sistema consente il tracciamento della posizione con una precisione del 99% e un errore medio di 7,6 millimetri. 

Con SkinTrack la pelle è un controller touch, ma occhio al consumo energetico
SkinTrack è capace anche di leggere comandi abbinati a lettere. Così ad esempio tracciando una S si potrà rifiutare una chiamata, mentre disegnando la N sul proprio braccio si avvierà l'app delle news. Le app inoltre potranno essere trascinate "fuori" dai bordi dello smartwatch e quindi essere riprodotte sul proprio braccio per poi avviarle velocemente toccando col dito la porzione del braccio utilizzata per creare il collegamento. 
SkinTrack funziona anche attraverso gli abiti il che rende questa tecnologia utilizzabile in ogni stagione.
Tuttavia resta da risolvere il problema dell'elevato consumo energetico unico neo della nuova tecnologia che rappresenta comunque una straordinaria novità. 



caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]