"Medici della Savana" in udienza da Papa Francesco: no alla Chiesa "clinica per vip"

07 maggio 2016 ore 14:50, Americo Mascarucci
Erano a migliaia nell'aula Paolo VI i volontari, cooperanti, sostenitori e amici di "Medici con l’Africa – Cuamm", la prima ong in campo sanitario riconosciuta in Italia e la più grande organizzazione italiana per la promozione e la tutela della salute delle popolazioni africane. 
Nata nel 1950 per iniziativa del medico missionario, Francesco Canova, e dell’allora vescovo di Padova, mons. Girolamo Bortignon, oggi l’organismo è presente in sette Paesi dell’Africa subsahariana, dove lavora per il diritto alla salute dei più poveri e bisognosi: mamme e bambini, malati di Hiv/Aids e turbercolosi, disabili. E sono loro, gli africani, a chiamarli 'I medici della Savana'.
"Nel vostro prezioso servizio ai poveri dell'Africa - ha detto loro Papa Francesco - avete come modelli il vostro fondatore, il dott. Francesco Canova, e lo storico direttore, don Luigi Mazzucato. 
'Medici della Savana' in udienza da Papa Francesco: no alla Chiesa 'clinica per vip'
Il dottor Canova maturò nella FUCI l'idea di andare per il mondo in soccorso degli ultimi, progettando un collegio per futuri medici missionari e delineando la figura del medico missionario laico. Da parte sua, don Mazzucato è stato direttore del Cuamm per 53 anni, ed è mancato lo scorso 26 novembre all'età di 88 anni. Egli è stato il vero ispiratore delle scelte di fondo, prima fra tutte la povertà".

"Sulla scia di questi grandi testimoni - ha aggiunto il Papa - voi portate avanti con coraggio la vostra opera, esprimendo una Chiesa che non è una 'super clinica per vip' ma piuttosto un 'ospedale da campo'. Una Chiesa dal cuore grande, vicina ai tanti feriti e umiliati della storia, a servizio dei più poveri. Vi assicuro la mia vicinanza e la mia preghiera"
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]