E' giallo per la morte choc di una donna cinese: dimenticata un mese in ascensore

07 marzo 2016 ore 9:52, Americo Mascarucci
Choc in Cina, una donna è stata trovata morta in un ascensore dopo 30 giorni.
Come è stato possibile? E' molto semplice: la donna sarebbe rimasta là dentro dal momento in cui un mese prima era stata staccata la corrente elettrica in quel palazzo per effettuare degli interventi di ristrutturazione. 
La corrente elettrica era stata infatti staccata lo scorso 30 gennaio dopo aver rilevato un problema nello stabile e la povera donna, forse non avvertita in tempo, si trovava dentro la cabina proprio nel momento in cui l'ascensore è stato bloccato e tenuto fermo per un mese. Gli addetti alla manutenzione avevano omesso di controllare se qualcuno stava utilizzando gli ascensori al momento del blocco, così il corpo della donna, rimasto rinchiuso lì dentro fino al 1 marzo, è stato ritrovato solo dopo oltre un mese dagli stessi addetti che dopo aver terminato i lavori hanno rimesso in funzione l'ascensore. 
E' giallo per la morte choc di una donna cinese: dimenticata un mese in ascensore
Quando questo si è aperto la macabra scoperta. Possibile che nessuno abbia udito le grida d'aiuto della donna rimasta intrappolata? Purtroppo no perché la Polizia ha detto che la vittima era una donna di 43 anni che viveva da sola nel palazzo a Xi'an, nella provincia cinese dello Shaanxi. La squadra di manutenzione è stata accusata di omicidio colposo.
Una morte atroce dunque, un'agonia infinita in attesa di qualcuno che arrivasse a sbloccare quell'ascensore e a tirarla fuori. Una storia assurda che la dice però lunga su quanto possa essere difficile vivere in solitudine e non avere nessuno che possa preoccuparsi di non vedere una persona rientrare a casa. 



caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]