Legge elettorale: dopo le parole della Boschi ecco cosa succede

07 novembre 2014 ore 13:26, Marta Moriconi
Legge elettorale: dopo le parole della Boschi ecco cosa succede
Il ministro per le Riforme Elena Boschi è convinta che farà"l'accordo con Forza Italia". Ma in molti oggi parlano del pericolo di elezioni anticipate, anche se l'ombra è stata allontanata sempre dalla stessa dem renziana, che non fa altro che chiarire, precisare e calmare (agitandole) le acque. 
Sono giorni in cui la si sente parlare spesso, sarà per quegli scricchiolii sul Patto del Nazareno che stanno tenendo banco, e anche oggi la messaggera invia i suoi aut aut dal sapore amaro: "Se così non dovesse essere - spiega - andremo comunque avanti con chi vuole are una mano". Lo afferma a margine dell'assemblea Anci aggiungendo che "siamo sempre stati pronti a parlare con chiunque sieda in Parlamento". E poi l'accenno storico che è l'alibi di ferro dietro cui si trincerano i piddini: "Lo abbiamo fatto fin dall'inizio - aggiunge - e lo abbiamo sempre detto: le riforme si fanno con chi ha voglia di dare una mano al nostro Paese". Sì, certo, ma in caso di dialogo con altre forze politiche, comunque, "alcuni punti fondamentali della legge elettorale non possono essere messi in discussione, primo fra tutti la necessità di garantire stabilità ai governi". E quindi dà voce alla speranza (perché se non avranno i numeri è il temuto voto che li attende): "Credo - conclude il ministro - che anche gli altri partiti non possano che concordare su questa necessità per il paese".
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]