Bonucci commosso "2 volte" in Tv: lacrime per "il figlio" e "l'Italia unita"- VIDEO

07 novembre 2016 ore 16:13, Americo Mascarucci
Un Leonardo Bonucci dal volto straordinariamente "umano" quello che si è visto alla Domenica sportiva dove il difensore juventino ha pianto in diretta parlando del figlio reduce da seri problemi di salute.
Perché quando si parla degli affetti familiari non c’è regola che tenga, il cuore prevale su tutto.
Bonucci con le lacrime agli occhi ha ringraziato quanti in quei difficili momenti gli sono stati vicini e lo hanno sostenuto: 
"Sicuramente è stato un momento difficile, ringrazio i tanti tifosi juventini e non per avermi dimostrato affetto e vicinanza. E’ stato un banco di prova importante per la mia famiglia. Matteo si è dimostrato un combattente, noi gli siamo andati dietro, ora siamo più sereni perché lo vediamo giocare e sorridere. Ora la situazione è migliorata, sta alla grande e ringrazio le persone che ci sono state vicine. Matteo è riuscito ad unire i tifosi di tutta l’Italia senza pensare ai colori che il papà porta addosso ed è la vittoria più bella per me come giocatore, per lui e per noi come famiglia. Sta alla grande, questa esperienza ci ha fortificato e invito le famiglie che passano situazioni come queste a crederci sempre perché l’unione fa la forza e l’amore è una forza infinita".
Sulle sorti del figlio di Bonucci tutta l’Italia si è commossa e ha "pregato" perché il piccolo potesse superare le difficoltà.

Bonucci commosso '2 volte' in Tv: lacrime per 'il figlio' e 'l'Italia unita'- VIDEO
Lacrime doppie quelle del calciatore, di gioia per aver visto il figlio ristabilito e in secondo luogo per l’affetto e il calore che tutta Italia gli ha dimostrato. 
Perché di fronte alle sorti di un figlio non c’è maglia che tenga. 
Tuttavia c’è stato anche un passaggio sul momento non proprio felice per la Juventus sul campo da gioco. 
Bonucci ha ammesso: "Io sinceramente le vincerei tutte 1-0 da qui alla fine, arriverà il bel gioco, miglioreremo il carattere, c’è tempo per crescere ma fin quando si vince vuol dire che la squadra c’è e il futuro è roseo. Il nostro lavoro è portare la Juve a vincere, dobbiamo riuscirci in un modo o un altro ma il nostro obiettivo è vincere. Sicuramente - ha poi aggiunto - l’assenza di Paulo Dybala è importante per l’economia del gioco e per il talento del giocatore. Speriamo di riaverlo il prima possibile. E’ importante nel gruppo e sul campo, come tanti nella Juve può decidere da solo la partita, con lui tra le linee avremmo più fluidità, con Gonzalo e Mandzukic facciamo più fatica ad uscire ma hanno dimostrato di essere due campioni e due grandi persone mettendosi a disposizione con umiltà e sacrificio".




caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]