Per Becchi "Grillo-Casaleggio a ruoli invertiti. Roma interessa poco, guardano alle politiche"

07 ottobre 2016 ore 13:30, Americo Mascarucci
Ordigno contro un collaboratore della Giunta Raggi. 
Quello che in un primo tempo era stato considerato un gesto intimidatorio contro il Movimento 5Stelle è stato poi ridimensionato dalla Questura di Roma.
Il tutto a poche ore dal discorso tenuto dal sindaco Virginia Raggi in Consiglio comunale per presentare la nuova giunta Capitolina dove il primo cittadino ha ammesso di aver commesso alcuni errori.
Di questo e altro Intelligonews ha parlato con il filosofo Paolo Becchi.

Professor Becchi, c'era o no un tentativo di intimidazione verso i 5Stelle? 

"Guardi, mi pare che si tratti di una vicenda del tutto irrilevante, quasi ridicola. I 5Stelle possono però rivendicare il loro essere contro tutto e tutti: contro i poteri forti, le mafie, tutti coloro che vorrebbero fermare l'opera di rinnovamento e di moralità che sostengono di portare avanti senza macchia e paura. Tutto è buono da sfruttare, anche se poi ritengo che al Movimento non servano queste cose: con la nuova legge elettorale fortemente bipartitica così come è stata partorita salvo modifiche, le possibilità di vincere le avrebbero a prescindere. Oggi sono loro, e soltanto loro, l'unica alternativa a Renzi". 

Intanto però la Raggi in Consiglio comunale ha ammesso di aver commesso degli errori nelle prime settimane di Governo

"Credo si tratti di piccoli ritocchi e aggiustamenti di tiro di fronte all'opinione pubblica per calmare la tensione. E’ la stessa linea di Grillo che, dopo settimane passate a denunciare complotti oscuri dei poteri forti contro la Giunta Raggi, ora ammette che tutto sommato qualche errore poteva essere evitato. Ora che la tempesta sembra passata, la Giunta è stata finalmente completata, si tenta di ritornare alla normalità, quasi tendendo la mano agli avversari. Dopo un terremoto, possiamo dire di essere alle scosse d'assestamento".

Ma davvero a Roma è tornata la normalità?
 
"Io non darei troppo peso a Roma. Certo, nella Capitale il Movimento 5Stelle si gioca molta della sua credibilità politica e di governo,  ma adesso il nodo cruciale sarà il referendum . Se dovesse fallire Renzi e si dovesse andare ad elezioni anticipate, con un centrodestra frammentato e scarsamente competitivo, salvo colpi di scena loro sarebbero l’unica alternativa a Renzi. Nonostante le vicissitudini romane i 5Stelle hanno ancora il vento in poppa e soltanto una vittoria del Sì a questo punto potrebbe cambiare le cose. Il fatto è che loro sono stati bravi a spezzare il bipolarismo centrodestra-centrosinistra e oggi il bipolarismo è fra Renzi e Grillo".

Grillo si sta facendo vedere sempre più spesso a Roma e incontra i parlamentari. Che significa?

"Significa che il passo di lato di Grillo è stato ritirato e lui è di nuovo sulla scena in prima persona. Ma attenzione, il suo obiettivo adesso sono le elezioni politiche. Per questo dico che Roma non è la priorità e che la vera partita si giocherà sull'esito referendario. Da adesso fino alle politiche Grillo sarà sempre più in prima linea".

Con lui c'è anche il figlio di Gianroberto Casaleggio. Eppure si parla di rapporti rotti da Casaleggio padre con Grillo negli ultimi mesi di vita. 

"E' vero, negli ultimi tempi il sodalizio si era incrinato, ma questo sodalizio è esistito, è durato a lungo ed è stato molto intenso e fruttuoso. Grillo ha bisogno di un alleato nella piattaforma Rousseau creata da Casaleggio dove lui non ha ruoli, e quindi mancando il padre ha ricreato il sodalizio con il figlio che ha trovato a sua volta la maniera di rilanciarsi con un peso forte nel Movimento. Tuttavia i ruoli si sono invertiti. Mentre prima era Casaleggio padre a mettere le idee e a dettare le strategie alle quali Grillo si adeguava, adesso è l'ex comico a dirigere i giochi e l'altro a seguirlo. Anche perché Casaleggio junior non ha neanche un pò del carisma che aveva Gianroberto". 
Per Becchi 'Grillo-Casaleggio a ruoli invertiti. Roma interessa poco, guardano alle politiche'





caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]