Lavori estivi under 30, ecco i più richiesti d'agosto

08 agosto 2015, intelligo
Lavori estivi under 30, ecco i più richiesti d'agosto
Siete giovani, destinati a trascorrere l’ultimo mese di vacanza in città e volete trovare un lavoretto estivo? Sappiate che vi siete mossi tardi, tardissimo, la caccia al posto parte ad aprile quando i responsabili del settore turistico/alberghiero iniziano a fare le selezioni per lavori temporanei. Arrivati ad agosto la possibilità principale è quella di fare i tappabuchi, puntando su rapporti di lavori naufragati nel corso dell’estate.

Ecco allora che alcuni villaggi turistici si trovano improvvisamente a corto di animatori, magari una telefonata all’amico di turno che ci lavora, per sapere se si è creata una disponibilità, può essere utile, oppure fare il giro per i negozi che rimangono aperti, a corto di personale sotto ferragosto. In questo periodo tenete sotto controllo in particolare i parchi tematici, i campeggi e i villaggi turistici. Buone occasioni di lavoro sono rappresentati anche dai pub, magari improvvisamente diventati meta di turisti, dai ristoranti alla ricerca di camerieri e dagli stabilimenti balneari. Da non dimenticare neanche i centri estivi.

Con l'avvicinarsi della ripresa della scuola non dimenticate i mercatini dei libri usati, sempre più presi d'assalto e alla ricerca di personale mentre settembre è il momento ideale per dare la caccia agli "studenti svogliati", subito a caccia di ripetizioni. Agosto è anche il periodo buono per proporsi come baby sitter, chi è costretto a rimanere in città la sera esce spesso, anche per sfuggire alla morsa del caldo. Mettete nel mirino soprattutto parenti e amici (magari con bambini piccoli). Grande richieste anche per gli addetti alle pulizie, per una sistemata alla casa post vacanze.

Il tutto ricordando sempre che in Italia il lavoro dei minori, anche se stagionale, è regolato dalla legge n. 296/2006 e dalla direttiva 94/33 della Comunità Europea. Per candidarvi dovete aver compiuto i 16 anni, essere in regola con l'obbligo scolastico, avere l'autorizzazione dei genitori o di chi ha la patria potestà, che firmano il contratto di lavoro.

Un minorenne, prima di iniziare una collaborazione, deve sottoporsi a una visita medica, non può essere adibito a lavori notturni, pesanti o pericolosi, può fare al max 40 ore settimanali, avere due giorni di riposo a settimana, possibilmente consecutivi e una pausa ogni 4/5 ore di lavoro. Il suo stipendio non deve essere stabilito in base all'età, ma alle sue mansioni e all'orario quotidiano.


Seguici su Facebook e Twitter

autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]