L'influenza è ritornata! Come riconoscerla e curarla

08 aprile 2014 ore 10:00, Micaela Del Monte
L'influenza è ritornata! Come riconoscerla e curarla
Aprile è appena iniziato, si avvicina la vera e propria primavera, ma l'influenza 2014 non accenna a finire.
Anzi, con picchi diffusi si manifesterà anche questo mese. I ceppi di virus a rischio per la nostra salute, anche se sensibilmente in calo, sono ancora quelli della normale influenza 2014 e ad aprile stanno aumentando i casi di contagio da virus intestinale, i cui sintomi, sebbene molto fastidiosi, tendono ad esaurirsi entro le 24-48 ore. Spesso confuse come uguali di natura, in realtà vi sono delle differenze molto marcate tra questi due tipi di influenza: l'influenza comune è scatenata dal virus dell'influenza e riguarda i problemi respiratori, mentre l'influenza intestinale, è scatenata da uno o più tipi di virus che alterano e portano problemi gastrointestinali causando diarrea e vomito. A grandi linee i sintomi principali sono simili per le due patologie. L'influenza comune è manifestata da una febbre abbastanza alta, da 38 gradi e oltre, con durata di 1-2 settimane, dolori articolari, mal di testa e gola con raffreddore importante e occlusione delle vie respiratorie. Spossatezza, malessere diffuso in tutto il corpo, brividi, sintomi questi in comune con l'influenza da virus intestinale. Quella che in queste ore sta costringendo al riposo forzato la maggior parte delle persone colpite è appunto l'influenza a variante intestinale. Pochi giorni la sua durata, stimata in circa 24-48 ore, ma intensi e inconfondibili i sintomi, quali, oltre a quelli della comune influenza visti prima, il più grave è la dissenteria prolungata e persistente, che nei casi più aggressivi richiede un consulto medico e le terapie del caso. Altri sintomi sono la diarrea, il mal di testa, crampi e conati di vomito con o senza febbre. Il contagio per entrambe le tipologie di virus è pressappoco identico. Ci si infetta per contatto tra persona sana e persona ammalata. Tale contagio avviene con la trasmissione di virus, attraverso le micro goccioline salivari che ognuno di noi emette nel parlare, tossendo o respirando. Il contagio avviene anche per contatto fisico, attraverso le mani e gesti affettuosi come il bacio. Ambienti chiusi, affollati e con poco ricambio di aria sono i luoghi ideali per lo sviluppo e la trasmissione dei virus influenzali. Nel caso di normale influenza, il solito consiglio è quello di stare a casa ed osservare un riposo assoluto. La malattia deve fare il suo corso, tutto quello che possiamo fare è rendere meno fastidioso possibile i sintomi. Contrastare l'evolversi della malattia con rimedi semplici, mangiando cibi naturali come frutta e verdura di stagione. Solo nel caso di eccessiva febbre è consigliato, previo prescrizione medica, un ciclo di antipiretici. Se si è in presenza di influenza da virus intestinale invece, è consigliato una dieta a base di fermenti lattici, per aiutare a bilanciare in modo naturale gli scompensi della flora intestinale dovuti alla diarrea. Bere molta acqua per proteggervi, in caso di dissenteria, da una possibile disidratazione. Evitare assolutamente cibi e derivati del latte, caffè, alcool, fumo ed alimenti eccessivamente grassi. Da evitare anche i condimenti 'pesanti' e le bibite gassate.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]