"Andare oltre il semplice uomo o donna": così Facebook apre al gender

08 aprile 2015, Andrea De Angelis
L'anno scorso erano state introdotte le opzioni di genere personalizzate e la scelta dei pronomi con i quali si è designati sul social: lui/gli, lei/le o neutro.

'Andare oltre il semplice uomo o donna': così Facebook apre al gender
Arriva ora anche in Italia la possibilità di esprimere liberamente la propria identità di genere su Facebook, anche laddove questa non sia disponibile all'interno della lista di categorie a disposizione sulla piattaforma.
Categorie dunque parziali, liquide. O inutili. 

Non tutti, evidentemente, la pensano così.
Ma Facebook anticipa le critiche e parla di diritti e libertà. 

"Trovo importante che ogni persona che utilizza Facebook si senta a suo agio e sia realmente se stessa", ha spiegato Laura Bononcini, responsabile relazioni istituzionali di Facebook Italia. Come riportato da L'Huffington Post, Bononcini ha aggiunto: "In questo senso la possibilità di esprimere la propria identità sessuale è sicuramente un aspetto importante, soprattutto se questa va oltre la semplice categorizzazione uomo o donna".

Ma cosa cambia concretamente? Da oggi ogni utente potrà scrivere fino a dieci termini diversi che caratterizzino la sua identità sessuale.

Parole di apprezzamento sono arrivate da Flavio Romani di Arcigay: "La libertà è un terreno da esplorare senza timori: è questo il messaggio importante che Facebook ci trasmette".


caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]