Malattie respiratorie, gli italiani ne soffrono di più ma si curano di meno

08 dicembre 2015 ore 10:26, Americo Mascarucci
Malattie respiratorie, gli italiani ne soffrono di più ma si curano di meno
Circa sette milioni di italiani soffrono di malattie respiratorie ma uno su tre non si cura. 
Sarebbero addirittura 36mila gli italiani che muoiono ogni anno per colpa di malattie respiratorie che potrebbero essere prevenute e, se diagnosticate in tempo, curate efficacemente. Per individuare precocemente le difficoltà respiratorie il Sindacato Nazionale Autonomo Medici Italiani (SNAMI) promuove il Medico Amico Day - Progetto Respiro. 
Sabato 12 dicembre negli ipermercati di 10 città italiane tutti i cittadini potranno sottoporsi gratuitamente a test semplici e veloci che misurano la qualità del respiro. Le città coinvolte sono Bari, Bologna, Cagliari, Firenze, Napoli, Palermo, Pavia, Torino, Trento, Treviso: i medici di famiglia saranno a disposizione per visite gratuite, consulenze e per i test diagnostici.

Asma, bronchite cronica ed enfisema lasciano senza fiato circa 7 milioni di italiani ma un smatico su 3 non sa di essere malato e ben il 75% dei pazienti con BPCO non ha ricevuto una diagnosi. Ogni giorno un essere umano produce in media 25mila respiri, con 300 milioni di alveoli polmonari che "filtrano" 19mila litri d'aria. In caso di malattie respiratorie, come asma o Bpco, l'attività del respiro però s'inceppa e si possono perdere fino a 10mila litri d'aria al giorno. L'asma è un problema che interessa tutte le fasce d'età e colpisce in particolare le donne, mentre i rischi di contrarre la Bpco aumentano con il crescere degli anni: la bronchite cronica colpisce fino al 12% degli over 65 e fino al 40% i fumatori adulti.
"Si tratta di patologie che possono essere prevenute e anche curate efficacemente, se vengono diagnosticate in tempo - ha spiegato Angelo Testa, presidente Snami - Se la diagnosi con strumenti standardizzati è precoce e viene seguita da terapie tempestive e appropriate - ha aggiunto - l'invalidità da malattie respiratorie può essere scongiurata o ritardata e queste possono essere gestite efficacemente dal medico di famiglia, lasciando allo specialista soltanto i casi più gravi con maggiori risparmi e minori difficoltà per i pazienti"
Queste le città e i centri commerciali coinvolti nell'iniziativa.
1) BARI C.C. MONGOLFIERA - BARI PASTEUR
Viale L. Pasteur, 6 
2) BOLOGNA Centro Comm. "BORGO"
Via Marco Emilio Lepido, 184
40132 BOLOGNA
3) CAGLIARI C.C. AUCHAN di Cagliari
- SANTA GILLA
Via S.Simone, 60 - 09122 Cagliari
4) FIRENZE GALLERIA COMMERCIALE
STAZIONE S. MARIA NOVELLA
P.zza della Stazione
FIRENZE
5) NAPOLI C.C. LE CAMPANE
Via Campana, 80078 Pozzuoli - NA
6) PALERMO C.C. CONCA D'ORO - Palermo
Via Lanza di Scalea, 1963
7) PAVIA C.C. MONTEBELLO
Via Ing. Mazza, 50 - 27054
Montebello della Battaglia 
8) TORINO C.C. LE FORNACI
Str. Torino, 34-36 BEINASCO
9) TRENTO C.C. SHOP CENTER VALSUGANA
Via Tamarisi, 2
38057 Pergine Valsugana 
10) TREVISO Centro Comm. CONE'
Via San Giuseppe, 25 - 31015
Conegliano (TV)
I test sono semplici: i cittadini saranno sottoposti a un questionario sulla salute generale e le abitudini di vita, quindi alla valutazione dell'ossigenazione del sangue tramite ossimetria, un esame veloce e non invasivo. Chi risulterà positivo alle due indagini eseguirà una spirometria, test facile e rapido per misurare nel dettaglio la qualità del respiro e della funzione polmonare. "La diagnosi precoce è l'unico mezzo per prevenire l'invalidità e la cronicizzazione delle patologie polmonari - conclude Testa - i dati raccolti nel corso dell'iniziativa saranno poi analizzati per capire la diffusione delle malattie respiratorie nel nostro Paese. I risultati confluiranno in un Libro Bianco che sarà consegnato al ministero della Salute durante il congresso nazionale Snami".



caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]