Protegge la sicurezza e non i consumatori: cos'è l'errore 53 che "contagia" l'iPhone

08 febbraio 2016 ore 19:04, Micaela Del Monte
L'errore 53 sta ossessionando alcuni possessori dell'iPhone. Ma cos'è l'errore che rischia di bloccare irreparabilmente il vostro smartphone e perché si verifica? Il problema in questione è la conseguenza di un controllo introdotto con l'ultimo aggiornamento di iOS sulla connessione tra il sensore per le impronte digitali TouchID e Secure Enclave, il chip dedicato alla sicurezza.

Enclave Secure è infatti sistema di sicurezza globale usato nell'iPhone. Se non avviene la verifica tra il lettore e il chip di sicurezza, il sistema di impronte digitali di iPhone potrebbe essere vulnerabile a qualsiasi attacco, uno dei problemi che affligge i telefoni Android che non hanno un simile sistema di verifica dell'hardware. Grazie a questi controlli di Apple i dati raccolti tramite TouchID sono stati protetti da qualsiasi tipo di attacco.

Protegge la sicurezza e non i consumatori: cos'è l'errore 53 che 'contagia' l'iPhone
L'errore 53 quindi si verifica in seguito ad una riparazione dell'iPhone in un centro non autorizzato la nuova funzione di iOS 9 potrebbe infatti bloccare completamente il vostro smartphone, costringendovi a portarlo in un Apple Store e a pagare una sostituzione forzata. A portare alla luce il problema è stata la testimonianza di una giornalista del The Guardian, che ha detto di aver rotto lo schermo del suo telefono e lo ha fatto riparare in un negozio di terze parti, il suo iPhone ha funzionato bene dopo la riparazione per un po', ma dopo aver aggiornato ad una nuova versione del sistema operativo iOS è comparsa una schermata di "errore 53". Quando ha portato il telefono presso un negozio Apple Store ufficiale, il personale gli ha detto che il telefono avrebbe dovuto essere riparato presso un centro autorizzato, confermando che l'aggiornamento di iOS ha effettivamente dato 'il colpo di grazia' al telefono.

"Prendiamo la sicurezza dei clienti molto sul serio e l'errore 53 è il risultato dei controlli di sicurezza progettati per proteggere i nostri clienti", ha dichiarato Apple in un comunicato ufficiale a The Verge. "IOS verifica che il sensore Touch ID nel vostro iPhone o iPad corrisponde correttamente agli altri componenti del dispositivo. Se iOS trova una mancata corrispondenza, il controllo ha esito negativo e Touch ID, anche per l'uso di Apple Pay, viene disabilitato. Questa misura di sicurezza è necessaria per proteggere il vostro dispositivo ed evitare che un sensore touch ID fraudolento venga utilizzato. Se un cliente incontra l'errore 53, lo incoraggiamo a contattare il supporto Apple."

Ma ecco in sostanza che cosa accade quando lo smartphone viene riparato al di fuori degli Apple Store: questi centri vi riparano il melafonino ma non sono autorizzati a riassociare il chip sicuro e il sensore per le impronte digitali, quindi l’iPhone non supererà i test di sicurezza al successivo aggiornamento di iOS e il telefono si bloccherà. A proposito di questo problema Cupertino ha poi dedicato una pagina intera all'errore 53 sul suo sito web. La soluzione per ora è esclusivamente quella di andare in uno store ufficiale e pagare per una riparazione che, senza garanzia, può costare anche più di 200 dollari. Per questo gli utenti non hanno preso molto bene la notizia. In ogni caso App le consiglia ai clienti che incorrono nel problema di contattare il centro di assistenza.
Protegge la sicurezza e non i consumatori: cos'è l'errore 53 che 'contagia' l'iPhone
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]