Lombardia e Veneto (insieme) ospitano meno immigrati del Lazio

08 giugno 2015, Andrea De Angelis
“Ho deciso di scrivere una lettera ai Prefetti per diffidarli dal portare qui in Lombardia nuovi clandestini – ha spiegato sabato Roberto Maroni, governatore leghista – e ho deciso di scrivere ai sindaci per dirgli di rifiutarsi di prenderli, mentre ai sindaci che dovessero accoglierli ridurremo i trasferimenti regionali, come disincentivo, perché non devono farlo e chi lo fa, violando la legge, subirà questa conseguenza”.

Lombardia e Veneto (insieme) ospitano meno immigrati del Lazio
Così parlò l'ex ministro dell'Interno. A rispondergli, tra gli altri, il prefetto Morcone che sottolinea, come riporta Il Fatto Quotidiano, come proprio quelle regioni che non vogliono i migranti siano in realtà in debito di accoglienza rispetto ad altre zone dello Stivale. 

I numeri sono contenuti nell’ultimo report elaborato dal ministero dell’Interno, pubblicato a marzo.

Alla voce “Distribuzione generale dei migranti nelle strutture temporanee, nei CARA e nello SPRAR” risulta che a febbraio 2015 su un totale di 67.128 presenze, il 21% dei migranti è ospitato in Sicilia, il 13% nel Lazio.

La Lombardia, così come ad esempio la Puglia, è sotto la doppia cifra percentuale accogliendone il 9%. Meno della metà Il Veneto (4%) e ancor meno la Liguria, ferma al 2%. 

Sommando i dati di Veneto e Lombardia si scoprirà che insieme fanno quanto il solo Lazio e molto meno della Sicilia, primatista con il 21%
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]