Olimpiadi Roma, Capriccioli (Radicali): "Progetto ambiguo, serve un referendum"

08 giugno 2016 ore 13:43, Adriano Scianca
"Olimpiadi a Roma? Non basta inseguire un sogno, alcuni punti non ci convincono, serve un referendum". Parola di Alessandro Capriccioli, segretario dei Radicali Roma. Che a IntelligoNews spiega: "Amburgo, Oslo, Cracovia: ovunque la tendenza è quella di chiedere ai cittadini".

L'intervento di Totti in favore delle Olimpiadi è stato davvero un endorsement per Giachetti (cosa peraltro da lui smentita)?

Olimpiadi Roma, Capriccioli (Radicali): 'Progetto ambiguo, serve un referendum'
«Io non credo che fosse un endorsement a Giachetti. Totti è stato semplicemente scelto come testimonial dal Coni. L'idea che si vuole lanciare è quella delle Olimpiadi come sogno da inseguire, senza stare tanto a guardare il progetto nel dettaglio».

Idea che sembra non convincere i Radicali...

«Intanto non ci convincono alcuni punti specifici del progetto. Per esempio si vogliono costruire dei posti letto a Tor Vergata che non si sa bene che fine faranno una volta terminati i Giochi. Oppure si progetta uno specchio d'acqua in prossimità dell'aeroporto, quando sappiamo che ci sono dei divieti a causa del fatto che poi l'acqua richiama gli uccelli, che danno fastidio agli aeroplani etc. Insomma,  non è che uno può pensare di organizzare delle Olimpiadi facendo leva solo sul sogno da inseguire, ci sono questioni tecniche da affrontare».

Voi invece proponete un referendum, giusto?

«Cominciamo col dire che l'Italia ha mentito al Cio. Nel questionario del Comitato olimpico si chiedeva se ci fosse la possibilità di un referendum sui Giochi, loro hanno scritto di no, senza tenere conto della nostra iniziativa che era già partita. In ogni caso non è che noi siamo pregiudizialmente contro le Olimpiadi. È vero che possono essere un'opportunità, se organizzate bene. Il referendum contribuirà ad aprire un dibattito».

Non è una questione un po' tecnica per rimandare tutto a un referendum?

«Se abbiamo fatto un referendum sul nucleare possiamo farlo anche sulle Olimpiadi. E comunque è stato fatto in tutte le città: a Boston era partita la pratica, poi hanno rinunciato alla candidatura, ad Amburgo, Oslo, Cracovia l'hanno fatto. La tendenza è quella di chiedere ai cittadini, tant'è che il Cio prevede una specifica domanda sul questionario che fa compilare ai candidati».

I Radicali però erano in coalizione con Giachetti, che invece è per il sì alle Olimpiadi.

«Ne abbiamo parlato con lui, non ci ha chiesto di tenere un basso profilo sulla questione, né noi lo avremmo fatto. Anzi, ci ha detto di andare avanti e che se referendum ci sarà, lui andrà a votare sì».
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]