Riforma della Curia, padre Lombardi: "C9 resterà in piedi"

08 giugno 2016 ore 17:14, Americo Mascarucci
Padre Federico Lombardi, direttore della sala stampa vaticana, esclude che il C9, ossia il consiglio di cardinali che Francesco ha voluto al suo fianco per approntare la riforma della Curia, possa cessare le funzioni a lavoro ultimato.
''Non c'è di per sè una  scadenza per il C9 - spiega - che non chiuderà dopo avere elaborato i documenti da proporre all'attenzione del Papa sulla riforma della Curia Romana. Terminata la consultazione su questo tema - chiarisce padre Lombardi - il C9 continua a esistere fino a quando il Papa vorrà''
Le prossime due riunioni del Consiglio dei Cardinali con il Pontefice sono in calendario dal 12 al 14 settembre e dal 12 al 14 dicembre.
I lavori, secondo quanto riferisce il portavoce vaticano sarebbero a buon punto: "Il Consiglio dei Cardinali - spiega - è investito anzitutto del tema della riforma della Curia e del rinnovamento della Costituzione apostolica 'Pastor Bonus' ma non è stato istituito solo per questo motivo. E' un Consiglio cui il Papa può fare riferimento nel governo della Chiesa universale per avere contributi, consigli e opinioni: la riforma della Curia è certamente un oggetto molto corposo dei lavori del C9, tema sul quale il Papa consulta anche i capi dicastero del Vaticano. Ma non è l'unico compito
del C9, al quale il Papa può proporre anche altri temi, come ad esempio il Sinodo dei Vescovi''.

Riforma della Curia, padre Lombardi: 'C9 resterà in piedi'
Nessuna data certa però sulla fine dei lavori: "Alla domanda su quando si arriverà alla fine non si può ancora dare una risposta precisa - aggiunge ancora Lombardi - i lavori proseguiranno a metà settembre e a metà dicembre. Si tratta di un cammino -spiega il portavoce del Vaticano- e la riforma avviene per tappe che a mano a mano vengono attuate, come è già stato prima per l'Economia e poi per la Comunicazione: non viene tutto 
rimandato alla fine. C'è un certo numero di dicasteri sui quali il C9 ritiene di aver compiuto il suo lavoro, che è 
all'attenzione di Papa Francesco. La sensazione - conclude - è comunque quella di  un lavoro che progredisce e la prospettiva dell'esame della riforma della Curia da parte del Consiglio dei Cardinali sembra ora più in discesa che in salita''.

     
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]