Venti di tempesta su Gaza, Israele richiama 40mila riservisti

08 luglio 2014 ore 15:46, Adriano Scianca
Venti di tempesta su Gaza, Israele richiama 40mila riservisti
Venti di tempesta su Gaza. Il Consiglio di difesa del governo israeliano ha autorizzato il richiamo di 40mila riservisti. Dopo aver richiamato lunedì pomeriggio 1500 riservisti, il governo di Tel Aviv ha quindi in preparazione di un'ulteriore escalation. Israele potrà così gradualmente aumentare "la quantità e la qualità" degli obiettivi dei raid aerei, ha dichiarato il portavoce dell'esercito israeliano, Peter Lerner, specificando che l'offensiva aerea potrà allargarsi ad "un'operazione di terra se sarà necessario". Il portavoce ha precisato che "l'operazione continuerà per tutto il tempo necessario" e non ci si aspetta "che sia breve". Lo stesso premier israeliano Benjamin Netanyahu ha ordinato all'esercito israeliano di "togliersi i guanti" nello scontro con Hamas che "ha scelto l'escalation e per questo pagherà". "L'ordine del premier alla fine è stato quello di prepararsi a una scrupolosa, lunga e duratura campagna a Gaza", ha spiegato una fonte. Per ora ci sono stati solo raid aerei (che però hanno già ferito oltre una trentina di palestinesi, tra cui bambini e donne) e fatto anche già cinque vittime (uno era un miliziano di Hamas, gli altri quattro viaggiavano insieme in un'auto nel centro della città di Gaza). Il presidente palestinese Mahmoud Abbas ha tuttavia chiesto a Israele di mettere fine "immediatamente" alla sua offensiva contro la Striscia di Gaza e alla comunità internazionale di "intervenire immediatamente per fermare questa pericolosa escalation, che può portare la regione verso maggiore distruzione e instabilità". Hamas, tuttavia, annuncia che "non darà tregua" a Israele "e non si fermerà fin quando l'occupazione non accetterà" le sue "condizioni: fermare le aggressioni contro il popolo palestinese, togliere l'assedio a Gaza e liberare i detenuti palestinesi nuovamente arrestati dopo il rilascio in base all'accordo di scambio" con le autorità israeliane.  
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]