Aggressioni con acido, "Boettcher è la rappresentazione del male". Il pm chiede 26 anni

08 marzo 2016 ore 8:42, Andrea Barcariol
Ventisei anni di carcere per Alexander Boettcher, giudicato "un sadico e psicopatico". Questa la richiesta del pm Marcello Musso. Il magistrato non ha usato giri di parole per definire Boettcher (il broker già condannato a 14 anni per aver sfigurato Pietro Barbini con l'acido) "una persona che si atteggia a dio", ma è la "rappresentazione del male", un "figlio di papà" ed ha auspicato una pena "sia severa e commisurata alla gravità dei fatti". Il pm ha paragonato "per gravità" le aggressioni con acido "all'omicidio" ma ha evidenziato che: "Mentre nel processo per omicidio la vittima è assente e tumulata, nel caso degli sfregiati dell'acido la vittima è presente, è parte processuale. Questo aumenta la percezione del male". Musso ha ricordato come in aula, nel processo, "sia stato presente Stefano Savi, sfregiato e vivo, esempio di dolore". Quanto al fatto che Boettcher abbia marchiato a fuoco un gluteo di Martina Levato (già condannata a 16 anni), come mostrato in un video agli atti del processo, Musso parla di "vera a propria tortura, con tanto di gemiti di dolore da parte della torturata".
 
Aggressioni con acido, 'Boettcher è la rappresentazione del male'. Il pm chiede 26 anni
Il pm nella sua dura requisitoria ha sottolineato anche la pressione mediatica sul caso e la "straordinaria attenzione a questo processo da parte dell'opinione pubblica" arrivando a concludere che "l'interesse generale è destato dal fatto che le aggressioni rappresentano un'espressione del male. Un male che ha causato una straordinaria serie di conseguenze dolorose per le vittime, sfregiate da Boettcher e dagli altri imputati (già condannati, ndr)". Lo scopo di Boettcher e Levato sarebbe stato, secondo il pm, "cancellare con l'acido l'identità delle vittime". Il pm ha poi attaccato poi la difesa dell'imputato per aver "inutilmente e disperatamente tentato di allungare i tempi procesuali, presentando richieste senza fondamento". I legali di Boettcher, infatti, hanno chiesto ai giudici di dichiarare inutilizzabile l'interrogatorio che ha reso in aula e hanno presentato oltre venti richieste di perizie e testimoni, inclusa la richiesta di una perizia medico-legale sulle lesioni riportate da Stefano Savi. Richieste tutte respinte.






caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]