Festa delle donne, Fusaro: “Non arrendetevi. Contro chi le suffragette oggi avrebbero tirato sassi"

08 marzo 2016 ore 13:21, Lucia Bigozzi
“Le suffragette avrebbero tirato sassi anche contro gli uteri in affitto che rappresentano un’ulteriore umiliazione del corpo e della mente”. “Mi fa ridere che si festeggi la donna mentre si impone la pratica dell’utero in affitto e si innalza l’età pensionabile”. Due concetti attorno ai quali Diego Fusaro, filosofo, calibra il ragionamento nel giorno dedicato alle donne, nella conversazione con Intelligonews. 

Come legge la festa della donna anche alla luce del dibattito sulle unioni civili e il tema, controverso, della maternità surrogata?

«Intanto dico che non è un festa quella delle donne ma una memoria, un giorno per ricordare le rivendicazioni che hanno portato le donne al diritto di voto, alla riduzione dell’orario di lavoro in fabbrica, solo per citare due esempi. E’ un giorno per dedicato alla memoria anche per evitare che tornino a prodursi gesti di violenza, non solo sulle donne ma su tutti; quindi ben venga la festa della donna. Ma c’è una cosa che proprio in questa giornata fa un po’ ridere…».

Cosa la fa ridere?

«Il fatto che la si festeggi mentre si impone la pratica dell’utero in affitto o l’innalzamento dell’età pensionabile. Ho sempre in mente la scena che considero epocale di quando cadde il governo Berlusconi e subentrò con una sorta di "golpe bianco" quello tecnico : ci fu una donna che lesse un testo nel quale in sostanza dichiarava che finalmente con Berlusconi finalmente fuori gioco, per le donne sarebbe cambiato tutto. Diceva questo mentre il governo tecnico aumentava l’età pensionabile. Oggi la donna viene trattata come merce con la pratica dell’utero in affitto, o come una velina. Insomma, fa ridere che la si festeggi nel momento esatto in cui la si tratta così»

C’è chi stabilisce una connessione tra la legge, attesa da anni, sulle unioni civili licenziata dal Senato e l’8 marzo. Condivide? 

«No, non vedo come una donna possa sentirsi più emancipata quando le aumentano l’età pensionabile o quando la costringono ad essere madre di famiglia e lavoratrice. Dire che oggi la donna è più emancipata perché ci sono le unioni civili è come usare una cosa per nasconderle delle altre; è come nascondersi dietro un dito»

Che augurio rivolge alle donne?

«Auguro alle donne di non arrendersi a questa logica che promette loro emancipazione, ma in realtà le rende sempre più schiave economicamente, e sempre più merce nell’ambito della società facendo credere che la sola emancipazione per la donna sia il passaggio dal burqa islamico alla minigonna occidentale, che è poi il culmine dell’alienazione»

Le donne che affittano il proprio utero sono le nuove “suffragette”?

«No. Le suffragette avrebbero tirato sassi oltrechè contro le vetrine anche contro gli uteri in affitto, ovvero contro le pratiche che rappresentano una ulteriore umiliazione del corpo e della mente. Loro si battevano per il riconoscimento della donna, non per la sua mercificazione e umiliazione»
autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]