Addio Corioni, fece sognare il Rigamonti con Baggio e Guardiola. A Ospitaletto i funerali

08 marzo 2016 ore 15:33, Andrea De Angelis
Il mondo del calcio è in lutto. Brescia piange il suo presidente, Gino Corioni, che per oltre un ventennio ha guidato la società lombarda garantendole numerosi campionati in Serie A, soprattutto agli inizi degli anni duemila. Poi tanta serie cadetta, salvo la stagione 2010/2011 che vide però la squadra retrocedere nuovamente in B. È morto agli Spedali Civili di Brescia all’età di 78 anni, lascia la moglie e cinque figli.  

Proprio nel 2010, con l'obiettivo di inaugurare un nuovo ciclo di permanenza in serie A, il Presidente Gino Corioni ed il suo uomo mercato Gian Luca Nani diedero luogo ad una campagna acquisti molto più dispendiosa rispetto alle abitudini. Dopo aver confermato l'allenatore ed i giocatori principali della rosa promozione, perfezionarono l'ingaggio di giocatori di nome quali Jonathan Zebina, Panagiotis Kone, Eder, Alessandro Diamanti, Matteo Sereni ed Antonio Filippini. Dopo un inizio davvero positivo che vide per qualche giornata il Brescia addirittura in zona coppe europee, la squadra, pur mantenendo una certa qualità nel gioco, iniziò un lento, ma costante declino di risultati, che condusse all'esonero di mister Iachini. Al suo posto venne chiamato Mario Beretta, ma dopo poche giornate tornò proprio Giuseppe Iachini. Inizialmente il rientro dell'allenatore della promozione, diede una scossa all'ambiente ed alla squadra e portò le rondinelle a due soli punti dalla zona salvezza, ma la pesante sconfitta con il Genoa e la partita con il Milan condussero il Brescia al penultimo posto. L'8 maggio 2011, dopo essere stata sconfitta in casa dal Catania con il risultato di due reti a una, la squadra retrocesse matematicamente in Serie B con due giornate d'anticipo, dopo un solo anno passato in massima serie. Da allora la squadra si trova nella serie cadetta. 
Sono come dicevamo i primi anni del nuovo secolo ad aver visto il miglior Brescia della gestione Corioni. Nel 2001 il Brescia con Mazzone in panchina chiuse al settimo posto in classifica e quello fu il suo miglior piazzamento di sempre. In una regione abituata a vedere sempre a Milano i migliori giocatori arrivarono campioni del calibro di Roberto Baggio e Pep Guardiola. Storica la finale di coppa Intertoto persa con il Paris Saint Germain per la differenza reti, dopo lo 0-0 di Parigi e l'1-1 al Rigamonti. 
Addio Corioni, fece sognare il Rigamonti con Baggio e Guardiola. A Ospitaletto i funerali
La stagione 2013-2014 è l'ultima di Corioni presidente. Il Brescia la terminerà al tredicesimo posto non qualificandosi ai play-off. Una grave crisi di liquidità mette a rischio l'iscrizione della squadra al campionato di serie B. Lo sponsor principale, UBI Banca, al fine di concedere il prestito di quattro milioni di Euro necessario per saldare gli stipendi arretrati e coprire l'iscrizione stessa, chiede come garanzia le dimissioni di Luigi Corioni, sostituito nella gestione del club dal traghettatore Luigi Ragazzoni, già presidente del collegio sindacale del Brescia Calcio.
Nel febbraio del 2015, sotto la regia di UBI Banca e del presidente degli industriali bresciani Marco Bonometti, la proprietà passa nelle mani della fiduciaria milanese Profida, ed è gestita da Rinaldo Sagramola in qualità di amministratore delegato e direttore generale. Nel maggio dello stesso anno la società nomina Alessandro Triboldi nuovo presidente. Il 16 maggio 2015 il Brescia conclude la difficile stagione retrocedendo con due giornate di anticipo, ancor prima di disputare il posticipo serale della penultima giornata contro il Bari, ma come noto verrà ripescato ed occupa attualmente una posizione di metà classifica nella serie cadetta. 

Il sito ufficiale del Brescia ricorda Gino Corioni con una immagine recente. Sempre sulla pagina web si apprende che i funerali si terranno dopodomani, giovedì 10 marzo, alle ore 15.30 presso la Chiesa Parrocchiale di Ospitaletto.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]