Torneo di scacchi: era o no un baro il campione Ricciardi?

08 settembre 2015, Marta Moriconi
Torneo di scacchi: era o no un baro il campione Ricciardi?
Avrebbe vinto barando. Almeno questa è l'accusa che pende su Arcangelo Ricciardi, scoperto al torneo internazionale di scacchi di Imperia con una sorta di webcam addosso, almeno da quanto sta trapelando. 

E lui dovrà fornire la sua difesa.

Per molti comunque si spiegherebbe così come mai vincesse una partita dopo l’altra sconfiggendo grandi maestri degli scacchi ben più preparati e noti di lui che ricopriva il 51.366 posto della classifica mondiale.

Insomma con un trucco si sarebbe fatto suggerire la strategia delle partite, anche di quella che è stata oggsetto dello smascheramento. Mosse vincenti detatte? Beh, ora dovrà difendersi il 37enne accusato di “doping” elettronico. E intanto è stato espulso dal torneo. 

Il suggeritore? Un computer fuori dalla sala, e gli organizzatori hanno deciso di preparagli una sorta di "trappola": "Abbiamo piazzato un metal detector. Sulle prime - hanno detto- non aveva voluto passarci, ma noi abbiamo insistito e l’apparecchio ha suonato. Ha detto che aveva con sé una monetina portafortuna ma, approfondendo, abbiamo scoperto che al collo aveva appeso un ciondolo un po’ insolito”. 

Quel ciondolo era il sistema inventato per collegarsi a quel computer-suggeritore. 

E i sospetti riguardano anche le cinque vittorie e i due pareggi ottenuti fin qui con giocatori più esperti di lui... Ora toccherà a lui parlare e spiegarsi. 
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]