Venezia 73, Kim Rossi Stuart a nudo: il suo “Tommaso” è l'anti-macho

08 settembre 2016 ore 9:02, Adriano Scianca

Kim Rossi Stuart imbranato con le donne? Il sex symbol del cinema italiano spiazza tutti e porta a Venezia, fuori concorso, il suo “Tommaso”, di cui è interprete e regista, e che parla proprio del complesso rapporto con il sesso femminile del protagonista. Che guarda caso è un attore ed è interpretato da Rossi Stuart stesso. Autobiografico? Lui lo definisce “autoreferenziale e autocritico”, non negando di averci messo molto di se stesso: “E’ un film senza reti di protezione, senza una sceneggiatura forte. Il tentativo di mettermi a nudo, in un momento in cui mettersi a nudo è un atto significativo. Risolverebbe molti problemi se tanti lo facessero”. “Tommaso” uscirà il prossimo 8 settembre in 150 sale; prodotto da Palomar e Rai Cinema, sarà distribuito da 01. 

Venezia 73, Kim Rossi Stuart a nudo: il suo “Tommaso” è l'anti-macho
Il regista parla di due film in uno: “C'è la tragicomica aspirazione degli esseri umani ad avere dei rapporti amorosi e sessuali soddisfacenti: raccontarlo è stato liberatorio, ho passato buona parte della mia vita cercando relazioni soddisfacenti... Sapere che è una missione impossibile ha aiutato la comunicazione con la mia compagna. E poi c'è la zavorra che ereditiamo dai nostri genitori, con cui tutti facciamo i conti per cercare la parte più autentica di noi stessi. In molti questo bambino interiore lo hanno irrimediabilmente seppellito sotto difese e sovrastrutture. Sono quelli che vedendo il film ne resteranno distaccati. Altri invece ne rifiuteranno gli aspetti più ridicoli, 'imbarazzanti' secondo il comune senso del pudore. Io ho voluto smitizzare il machismo, il senso del potere, il desiderio di sopraffazione. E ho fatto questo film anche pensando a mio figlio Ettore. Quando tra qualche anno lo vedrà credo che per lui sarà una cosa buona”.

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]