Bersani-Crocetta-Ingroia: in piazza la povertà e la riscossione dei tributi

09 aprile 2013 ore 11:27, intelligo
Bersani-Crocetta-Ingroia: in piazza la povertà e la riscossione dei tributi
Bersani porta in piazza la povertà, Crocetta chiama Ingroia a riscuotere le tasse siciliane. Riformismo addio, dalle parti della sinistra. Che cambia pelle, ancora una volta. Per necessità: i democrat per contenere l’emorragia di voti transitati verso Grillo, la componente più radicale per far vedere che esiste ancora, nonostante i numeri da prefisso telefonico.
Il Pd sabato a Roma protesta contro la povertà, ma che vuol dire? E’ come manifestare contro il male, contro la pioggia o Ferragosto. Eppoi se Bersani declinerà nuovi punti del suo programma (per ora un elenco di buoni propositi in cerca di un governo che li realizzi) su cosa fare per rendere tutti sereni con qualche soldino in più in tasca, come dimenticare che fino a tre mesi fa stava nella strana maggioranza di Monti e dunque avrebbe potuto rimboccarsi le maniche per tempo? A Palermo, davanti a un caffè il governatore-piddi-civico Rosario Crocetta propone al pm-premier di Rivoluzione Civile Antonio Ingroia la guida della società regionale di riscossione dei tributi. Domani il Csm dovrà decidere l’assegnazione dell’incarico al magistrato in quel di Aosta, non in procura ma in forza al Tribunale (come giudice). Che farà Ingroia, quale incarico sceglierà? Incarico tecnico o politico? La mossa di Crocetta serve da un lato a rinsaldare l’appeal con la sinistra radicale; dall’altro a ‘istituzionalizzare’ il partito dei magistrati nel solco della migliore tradizione giustizialista. Di Pietro docet, ma quella è ormai un’altra storia.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]