Rom, Buonanno (Lega): "Per capire Salvini la Boldrini vada di notte a Termini senza scorta"

09 aprile 2015, Marco Guerra
Rom, Buonanno (Lega): 'Per capire Salvini la Boldrini vada di notte a Termini senza scorta'
“Se la Boldrini andasse di notte a Stazione Termini senza scorta capirebbe Salvini”. Questa è l'analisi dell’europarlamentare della Lega, Gianluca Buonanno, sentito da IntelligoNews in merito alle reazioni suscitate dalla parole del leader leghista sui  rom.

Buonanno che ne pensa della proposta di Salvini? 

“Condivido completamente le parole di Salvini, l’unica cosa con cui non concordo sono i sei mesi di tempo per lasciare i campi, ne darei al massimo uno. Quando io ho definito i rom la feccia della società ho avuto un trattamento anche peggiore, ma Matteo è il segretario del partito e forse c’è un po’ più di rispetto”.

Quindi non la stupiscono le reazioni della sinistra e della Chiesa? 

“C’è un ipocrisia lampante. Io faccio il sindaco vivo questo degrado tutti i giorni e posso testimoniare che molti italiani in difficoltà ricevono porte in faccia quando vanno a bussare dai sacerdoti. Per non parlare dell’atteggiamento di vescovi e cardinali che stanno in vaticano. Si tratta di persone che non sanno cosa significa la vita di tutti i giorni. Alla Boldrini invece dico di farsi un passeggiata alla Stazione Termini di notte senza scorta per capire Salvini”. 

Salvini ha detto che il 95% degli italiani la pensa come voi? 

“La Lega ha il grande merito di dare voce quello che la maggior parte della gente vorrebbe dire ma non dice per paura di essere tacciata di razzismo. Mi scusi, ma le sembra normale che se un padre di famiglia manda i figli a fare le elemosina dopo una settimana, giustamente, si ritrova i servizi sociali e il tribunale dei minori sull’uscio di casa e se lo fa un rom non si scandalizza nessuno? Dire che questo non deve accadere  significa essere razzista? Dopo le mie parole sui rom, settanta parlamentari italiani hanno chiesto al presidente dell’europarlamento Schulz di sanzionarmi, mentre ho perso il conto di quante espulsioni ho subito dalla Boldrini quando sedevo alla Camera dei deputati. Tutti questi dovrebbero spiegarlo ai cittadini che da 21 anni mi votano come sindaco di Borgosesia. Secondo loro votano un nazista?”.

Cosa risponde a chi dice che la Lega quando era al governo nazionale non ha fatto abbastanza per risolvere il problema? 

“Che ha perfettamente ragione e che quando torneremo al potere faremo molto di più. Ma ricordo a tutti che quando Maroni varò la misura della raccolta delle impronte digitali dei migranti che arrivano in Italia – cosa che avveniva già in tutti i paesi europei -  si scatenò un putiferio. La Lega intanto sta facendo il suo nei comuni che governa. Gliene racconto solo una: il governo ha obbligato tutti i comuni dare un domicilio – anche inesistente - a tutti i senza fissa dimora, io ho istituito ‘Via da Borgosesia’. Ci siamo intesi no?!” 

autore / Marco Guerra
Marco Guerra
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]