Cirinnà, Gandolfini: "Renzi, ci ricorderemo anche per amministrative. Cosa pensano Sala e gli altri?"

09 febbraio 2016 ore 9:59, Marco Guerra
Cirinnà, Gandolfini: 'Renzi, ci ricorderemo anche per amministrative. Cosa pensano Sala e gli altri?'
Oggi in Senato riprendono le discussioni sulle unioni civili, prima del voto. E intervistato da IntelligoNews, il presidente del Family Day 2016 Massimo Gandolfini avverte tutti: “Andiamo a vedere chi voterà contro il volere del popolo, poi ce ne ricorderemo fin dalle prossime amministrative”. Così, dalle nostre pagine, lancia un monito alle forze politiche e a tutti i senatori che si apprestano a votare i singoli articoli del ddl Cirinnà.

Allora Gandolfini ci siamo. Da domani si inizia a votare. Cosa pensa del fatto che i senatori si esprimano coperti dal segreto?

“La faccenda del voto segreto non è facile da dirimere. Intanto però voglio ribadire che non siamo contrari solo all’articolo 5 ma anche agli articoli 1, 2 e 3 laddove si instaura un regime di simil matrimonio, ad esempio per la questione della vedovanza, della reversibilità… ad ogni modo la libertà di coscienza è una buona cosa, quindi sarei del parere di iniziare con il voto segreto, poi se c’è una maggioranza netta contro i nostri emendamenti sulla stepchild adoption, facciamo il voto palese. Insomma andiamo a contarli e a vederli veramente questi senatori, per dire ai nostri elettori chi sono coloro che votano contro il loro volere”.

A proposito di elettori, lei al Circo Massimo ha detto che è importante saper scegliere anche a livello locale da chi farsi rappresentare. “Renzi ci ricorderemo” vale anche per le prossime amministrative?

“Abbiamo già visto che gli amministratori locali si permettono libertà contra legem, come i registri delle unioni omosessuali, e quindi anche l’elezione del sindaco non è ininfluente su temi sensibili come questo. Oltretutto bisogna tenere presente che ogni sindaco è legato ai grandi partiti quindi è giusto premiare o non premiare i partiti che ci hanno ascoltato”.

Ma ci sono delle sensibilità trasversali, ci possono essere candidati di centrodestra favorevoli al matrimonio gay ed esponenti di sinistra più sensibili ai temi etici….

“Nel voto amministrativo occhi aperti alla persona, abbiamo sindaci che, pur appartenendo al Pd, sono assolutamente contrari ai registri per le unioni omosessuali e altre iniziativi di questo tipo e abbiamo sindaci che, pur appartenendo al centro-destra, sono assolutamente favorevoli. A livello locale è la persona che fa la politica”.

Quindi per maggiori indicazioni aspettate che si componga tutto il quadro delle candidature per le grandi città?

“Sì assolutamente, quando sapremo con certezza come la pensa Sala e quale sarà il suo avversario faremo una valutazione sui due candidati. Stessa cosa vale per Alfio Marchini a Roma o chi altro sarà".

Però le urne bandite di arcobaleno a Milano già la dicono lunga…

“Ah si quello lo avevo notato anch’io. La cosa da ribadire è che ci ricorderemo di chi ha usato una sprezzante arroganza nei confronti delle nostre richieste già partire dalla consultazione del referendum costituzionale di ottobre. Noi bobbiamo trasformalo in un referendum Renzi vattene a casa dato che si è comportato così”.

Ma questa indisponibilità a trattare del premier a cosa è dovuta?

“Io credo che al momento Renzi soffra di una delirio di onnipotenza”.
autore / Marco Guerra
Marco Guerra
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]