Prof. Noia (Gemelli) a IntelligoNews: "Perché il ddl Cirinnà è contro la salute delle donne"

09 febbraio 2016 ore 14:37, Andrea De Angelis
Il documentario Eggsploitation affronta le problematiche legate al mercato degli ovociti, attraverso i tragici e rivelatori racconti personali delle donne che si sono trovate coinvolte e cambiate per sempre.
I racconti, le testimonianze e i dati scientifici sono stati oggetto della conferenza stampa che si è svolta oggi, martedì 9 febbraio, in Senato. Indetta dall’associazione ProVita onlus, rappresentata dal presidente Toni Brandi, in collaborazione con il senatore Lucio Malan, ha visto anche l’intervento del prof. Giuseppe Noia, ginecologo, docente di medicina prenatale al Policlinico Universitario Gemelli e Primario dell’Hospice Perinatale, contatto poi telefonicamente da IntelligoNews...

Prof. Noia (Gemelli) a IntelligoNews: 'Perché il ddl Cirinnà è contro la salute delle donne'
Quali sono i motivi scientifici del suo no all'utero in affitto?
"Sostanzialmente sono legati all'impoverimento della salute della donna. Assistiamo infatti ad un vero e proprio attacco che però passa in maniera molto sottile".

Perché parla addirittura di attacco?

"Perché si mostra un risultato, cioè la nascita di un figlio, senza parlare del costo umano e anche medico sulla salute delle donne. Ci sono gravissimi problemi per la superovulazione, difficoltà in gravidanza, problemi vascolari legati anche alla prematurità con bambini che nascono sottopeso. Le donne che danno ovuli perdono la fertilità nell'11% dei casi. Penso che ce ne sia abbastanza, siamo all'evidenza scientifica e c'è tutta una letteratura che ho portato questa mattina in Senato".

Dunque il suo non è un no etico o religioso?

"Assolutamente no, qui vogliamo usare le ragioni della ragione che in questo caso è scientifica. Solo così ci si rende conto che siamo dinanzi a studi non ideologicamente preparati, ma fatti da scienziati onesti. Io oggi ho portato tre studi di metanalisi, ovvero studi che vanno ad analizzare altri venti studi. Sono numeri importanti".

In che modo il ddl Cirinnà facilita quanto osteggiato da lei?
"Il motivo è semplice. Nel momento in cui si permette a due uomini di andare all'estero, chiedere un bambino e portarlo in Italia avremo un aumento di simili domande. All'aumentare della domanda aumenterà anche l'offerta, ma l'offerta riguarda povere donne indotte a superovulare per favorire ovociti e dare figli a coppie che non possono averli naturalmente. In questo senso la catena è ben visibile...".
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]