La password in un colpo d'occhio con le lenti di Google

09 giugno 2015, Andrea Barcariol
La password in un colpo d'occhio con le lenti di Google
Non sarà più una scena stile Mission Impossible o 007. Le impronte digitali e le password del futuro passeranno per gli occhi. E’ arrivato l’ok alla richiesta, fatta un anno fa, da Google per una nuova tecnologia che utilizza le lenti a contatto come dispositivo in grado di scansionare l'iride al fine di identificare una persona e farla autenticare per azioni legate a Internet.

I sensori posizionati nella lente assemblano un'immagine dell'iride che viene poi confrontata con un'altra contenuta nella memoria del computer. Il sistema utilizza quindi le sorgenti di luce per identificare un utente sulla base di un confronto.

Non si tratta della prima soluzione di questo tipo. Nel 2014, Google ha stretto un accordo con Novartis per speciali lenti smart, in grado di controllare diverse malattie, misurando ad esempio i livelli di insulina nei diabetici, mentre Yahoo con “Bodyprint” ha sviluppato un sistema che permette di accedere allo smartphone toccando lo schermo con diverse parti del corpo. Apple invece, in sostituzione delle password, sta studiando l’utilizzo del riconoscimento facciale.

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]