Primo giorno di servizi sociali per Berlusconi. Due note di colore

09 maggio 2014 ore 10:45, Marta Moriconi
Primo giorno di servizi sociali per Berlusconi. Due note di colore
Il Cavaliere, cioè l'ex Cavaliere, è arrivato alle 9,30 a Cesano Boscone per aiutare i malati di Alzheimer e "scontare" così i servizi sociali.  Lo aspettavano all’istituto Sacra Famiglia e lui è arrivato addirittura con qualche minuto di anticipo rispetto all'orario previsto:  9:45. Quattro saranno le ore passate con i malati che mai si sarebbero immaginati di vedere un centinaio fra giornalisti, fotografi e cameraman. Addirittura, si erano accreditati il New York Times, la tv giapponese FujiTv, testate tedesche, francesi e Al Jazeera International. Anche una protesta ha avuto spazio. Quella di Pippo Fiorito della Cub che ha urlato: «Noi lavoratori italiani abbiamo un sogno nel cuore: Berlusconi a San Vittore». L’uomo è stato allontanato. Una prima nota di colore.  Due donne, Giuliana Mura, la responsabile della struttura e Maria Giovanna Sambiase, l’educatrice del reparto lo aiuteranno per l'inserimento. Soddisfatto per la tutela dei propri cari il presidente dell’associazione Comitato parenti Gianfranco Dugnani. Una seconda nota di colore. Uno spettacolo comico è previsto e sarà messo in scena nel teatro della fondazione perché si vuole mantenere la normalità, come ha dichiarato Fabrizio Pregliasco, il direttore scientifico. Ma si sa, con Berlusconi "in casa" la normalità è l'eccezione.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]