Fisco (amico), moratoria: standby per il contribuente ad agosto. Ferie salvate

09 maggio 2016 ore 11:23, Luca Lippi
Il governo sta mettendo a punto il pacchetto di semplificazioni fiscali e il viceministro dell'Economia, Luigi Casero annuncia che chi riceverà un avviso fiscale nel mese di agosto potrà rispondere dopo 30 giorni. Nello specifico, le parole di Casero sono : “Se l'avviso viene consegnato il 5 agosto, mentre si è in vacanza, si avranno 4 settimane in più per rispondere. I termini scatteranno cioè il 5 settembre”.
La facilitazione è la dieretta conseguenza della volontà del Governo di trasformare il rapporti far contribuente e Fisco, raggiungendo definitivamente, ma per gradi, quel rapporto “amichevole” che deve intercorrere fra cittadini e organi dello Stato, in particolare per quanto riguarda la dolente connessione con l’apparato che segue le pratiche vessatorie.

Fisco (amico), moratoria: standby per il contribuente ad agosto. Ferie salvate

In sintesi, un mese di standby per il contribuente durante le ferie estive. La possibilità di ripresentare il modello F24 cartaceo in banca per i non titolari di partite Iva, l’abolizione degli studi di settore per i professionisti e rinvio di una seconda voluntary disclosure.
Le semplificazioni a cui il governo punta dovrebbero snellire i procedimenti, rendendoli più semplici e soprattutto più rapidi, con l'obiettivo "di dedicare al fisco meno tempo possibile", sottolinea ancora Casero.
L'obiettivo è rendere più facile e automatica anche la compilazione dei moduli che, riempiti una prima volta, resteranno poi a disposizione del contribuente già precompilati in alcune informazioni chiave. Dice Casero: "Verranno abolite tutte le comunicazioni da inviare all'Agenzia delle Entrate i cui dati sono già in possesso dell'Agenzia. D'ora in poi andranno comunicate solo le variazioni". In sostanza è il medesimo meccnismo che usiamo quotidianamente per le informazioni di accesso precompilate salvate sul pc per entrare automaticamente alle app che si scaricano su Pc e Smartphone. In questo modo non dobbiamo più ripetere continuamente le stesse operazioni.
Tra le misure anche la possibilità di ripresentare il modello F24 cartaceo in banca per i non titolari di partite Iva, novità pensata per facilitare la vita ai pensionati e l'invio solo via Pec delle comunicazioni fiscali alle aziende.
Il nuovo pacchetto di semplificazioni fiscali sarà rigorosamente a costo zero e dovrebbe arrivare entro fine maggio. Una delle ipotesi sarebbe quella di inserirlo nel nuovo decreto Finanza per la crescita 2.0, tuttavia la via più semplice sembra quella di apportare un "correttivo" alla delega fiscale. Se questa fosse la strada prescelta, basterebbe un decreto legislativo di modifica, da sottoporre alle competenti Commissioni parlamentari.

autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]