Libia, Giulietto Chiesa: "Quello di Gentiloni (e Renzi) è un messaggio al Pentagono"

09 marzo 2016 ore 15:37, Lucia Bigozzi
“Sulla Libia c’è uno schieramento di forze realistiche e di forze dementi. Renzi si schiera con le forze realistiche, se non cambia idea…”. E’ la fotografia che Giulietto Chiesa scatta posizionando lo zoom sulla Libia: dal ritardo nel rientro delle salme dei due tecnici italiani uccisi, ai messaggi incrociati tra Roma e Washington. Nella conversazione con Intelligonews, il giornalista e scrittore, esperto di scenari geopolitici, analizza la linea del governo italiano e gli effetti – per nulla collaterali - del pressing americano sul vecchio continente.

Da un lato il ritardo nel rientro delle salme dei due italiani uccisi in Libia, dall’altro il ministro degli Esteri Gentiloni che dice “non ci faremo trascinare in avventure inutili e pericolose”. Sono messaggi incrociati? Si stanno parlando attraverso la vicenda delle due vittime?

Libia, Giulietto Chiesa: 'Quello di Gentiloni (e Renzi) è un messaggio al Pentagono'
«
No. Io la leggo come una ripetizione di quello che ha detto Matteo Renzi. Il messaggio del premier è stato chiarissimo: a Venezia ha detto noi non vogliamo andare a fare un videogame. La cosa è troppo seria e noi non andiamo con cinquemila uomini e non andiamo fino a quando non c’è un governo insediato e stabile. Il che significa che il governo italiano non vuole andare a combattere in Libia. Vedremo come si svilupperanno le cose».

La convince la posizione di Renzi? E’ una linea ragionevole in questo momento? 

«Sì è ragionevole, abbiamo già subito due o tre colpi gravi, figuriamoci cosa succederebbe se andassimo in Libia. A Renzi che è persona molto attenta non sfugge né la vicenda Regeni in Egitto né l’uccisione dei due tecnici italiani in Libia perché in entrambi i casi si tratta di segnali importanti. In questo caso, Gentiloni ripete quello che ha già detto il suo superiore diretto»

Quello di Renzi e dunque di Gentiloni è un messaggio anche a Obama?

«Più che a Obama è un messaggio al Pentagono, perché credo che la linea del presidente degli Usa non sia propriamente in sintonia con quella del Pentagono, considerato anche il caso Siria. Diciamo così: in questo momento c’è uno schieramento di forze realistiche e di forze dementi; qui Renzi si schiera con le forze realistiche»

Cosa si può leggere dietro il ritardo del rientro in Italia delle salme dei due tecnici uccisi? 

«Non sono in grado di dire niente perché in Libia c’è una situazione disastrosa, ci sono bande che si stanno combattendo e vai a capire quali bande hanno agito in un senso e quali nell’altro. Siamo di fronte a un Paese che non esiste più e se questo è, non si può rimettere in piedi un Paese in quindici giorni. E certamente non lo si fa andando a bombardare non si sa bene cosa e dove. Quindi, l’intervento italiano non dovrebbe esserci se Renzi non cambia idea e non si schiera con la coalizione dei dementi»

Filippo Calcagno rientrato dalla Libia ha detto che “un po’ si vergogna di essere rientrato”. Che effetto le fa?

«Non saprei. Io non uso la parola vergogna perché non conosco la vergogna».

Da esperti di scenari geopolitici, come andrà a finire in Libia?

«Temo che le pressioni dello schieramento dei dementi, ovvero gli americani, siano molto forti e possano esercitare ricatti molto forti. Diciamo che in questa fase c’è una sovrapposizione e contrapposizione di ricatti. Purtroppo la politica sta diventando una questione semi-criminale e dunque è difficile dire oggi quale arma prevarrà. Ci troviamo di fronte a una situazione semi-criminale in cui persone decino di uccidere altre persone facendo finta di avere la legge dalla loro parte»
autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]