Bollani su Rai 1, un programma e un piano "per fare cose mai fatte"

09 novembre 2016 ore 17:06, Micaela Del Monte
Dopo la grandissima vittoria di Roberto Bolle che ha portato sul piccolo schermo la bellezza e l'eleganza della danza sarà il turno di Stefano Bollani che porterà in tv il suo pianoforte. Musica dal vivo, ironia e improvvisazione con grandi ospiti sono gli ingredienti del nuovo programma targato Rai 1 che il compositore e musicista presenterà da giovedì 10 novembre, alle 23:35. Titolo dell’evento, in sette serate, L’importante è avere un piano. 

Bollani su Rai 1, un programma e un piano 'per fare cose mai fatte'
"L'italiano ha parole bellissime ma ne usiamo troppe
", ha raccontato il jazzista, "in inglese suonare è to play, giocare con la musica: ecco, qui verranno tutti a giocare, a fare cose mai fatte prima, io stesso non mi sono portato gli amichetti ma suonerò anche con musicisti che non conosco".
 
Una vera e propria jam session che vedrà coinvolti tanti grandi nomi del panorama musicale italiano ed internazionale, da Francesco De Gregori a Fiorella Mannoia, da Carmen Consoli a Vinicio Capossela, da Chucho Valdés a David Garrett, e poi talenti insoliti come The Vegetable Orchestra, formazione viennese che suona strumenti realizzati esclusivamente con ortaggi, o lo statunitense Cameron Carpenter, che si esibisce con un organo pieno di tastiere e pedali da lui stesso disegnato, e infine attori con la passione per le sette note, come Claudio Santamaria e Valerio Mastandrea, dalle doti inaspettate.
 
"Io non sono un conduttore", precisa Bollani, "chiacchiero con gli ospiti ma come se fossimo a casa a suonare. E poi parlerò di musica perché avremo delle rubriche fisse, una sui musicisti che non hanno avuto la fortuna che meritavano, e una che potrebbe essere una fiaba in musica sui 7 nani che vogliono entrare nella band di Biancaneve. E a fine puntata ci sarà il video della buonanotte con la Fata del Sonno, Valentina Cenni, che tenterà di farmi dormire". Un programma di nicchia, insomma, che sfida l'Auditel piuttosto che rivolgersi al grande pubblico. D'altronde, spiega il direttore di rete, Andrea Fabiano, "non possiamo sempre andare sul sicuro, dobbiamo provare nuove strade anche su Rai1".
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]