Su Plutone i colori cambiano: scienziati spiazzati da New Horizons, FOTO

09 ottobre 2015, Americo Mascarucci
Su Plutone i colori cambiano: scienziati spiazzati da New Horizons, FOTO
Cielo blu e acqua ghiacciata in superficie. Sarebbe questa l’ultima scoperta sul Pianeta Plutone riscontrata dalla sonda New Horizons che ha fotografato la situazione. 

La colorazione del cielo, secondo gli esperti della Nasa, sarebbe da attribuire principalmente alla presenza sul pianeta di metano e azoto. Resta invece da chiarire il perché della presenza di acqua ghiacciata in superficie anche perché questa presenza sarebbe soltanto a tratti e non estesa sull’intera superficie. Le cause sono ancora in fase di studio. 

Una scoperta sensazionale quella del colore, che va in pratica a smentire tutte le convinzioni degli scienziati che hanno studiato il pianeta fino ad oggi. Secondo loro infatti la colorazione di Plutone sarebbe dovuta essere rossa ma tendente al rosa a causa della foschia che l’avvolgeva provocata dalla presenza di molecole di metano che andavano di fatto a scontrarsi con i raggi ultravioletti del sole. Oggi dunque le fotografie inviate dalla New Horizons sembrano rimettere tutto in discussione, obbligando gli astronomi a ricercare le cause di fenomeni fino ad oggi sconosciuti. "Vaste regioni su Plutone non mostrano ghiaccio d'acqua" ha detto Jason Cook, membro del Southwest Research Institute ( SwRI), “forse perchè è mascherato da altri ghiacci più volatili su gran parte della superficie. Capire perchè l'acqua appare esattamente lì e non altrove è una sfida che stiamo affrontando”. Un aspetto curioso della scoperta è che le zone con una presenza d'acqua più evidente coincidono con le aree di colore rosso brillante nelle immagini a colori recentemente rilasciate. 

"Sono sorpreso di un colore così rossastro" ha dichiarato Silvia Protopapa, membro scientifico dell'università del Maryland, “non abbiamo ancora compreso che relazione c'è tra il ghiaccio d'acqua e le toline coloranti sulla superficie di Plutone”. “Non ci saremmo mai aspettati di vedere un cielo azzurro nella fascia di Kuiper, è magnifico!” ha esclamato Alan Stern, principal investigator di New Horizons presso il Southwest Research Institute (SwRI) di Boulder, Colorado. Il particolato che forma la nebbia è probabilmente grigio o rosso di per sè, ma il modo in cui diffonde la luce blu ha catturato l'attenzione degli scienziati. "La sorprendente tonalità ci racconta qualcosa sulle dimensioni e sulla composizione delle particelle" ha spiegato Carly Howett, del SwRI. “Un cielo blu spesso è il risultato della diffusione della luce solare da parte di particelle molto piccole e, sulla Terra, queste particelle sono le minuscole molecole di Azoto. Su Plutone, sembrano particelle simili a fuliggine e relativamente più grandi, ma comunque piccole in assoluto".

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]