Con iPhone 6S e 6S plus il touch è "da pianisti": il segreto è tutto nelle dita

09 ottobre 2015, Americo Mascarucci
Con iPhone 6S e 6S plus il touch è 'da pianisti': il segreto è tutto nelle dita
Il segreto dunque sta tutto nelle dita. Può essere riassunta così la principale novità introdotta con l’arrivo sul mercato degli iPhone 6S e 6S Plus dotati del 3D touch

Sarà infatti tutta una questione di dita sul display la chiave del successo della nuova tecnologia nel campo della telefonia mobile. In pratica in base alla pressione delle dita sul display si attiveranno funzioni differenti. Insomma, potremmo trovarci a diventare tutti “pianisti del mobile” costretti a monitorare la pressione delle dita per avere accesso alle varie funzioni che ci servono. Ma come è possibile ciò? Il 3D Touch in pratica consentirà di rilevare tre differenti livelli di pressione dello schermo; a seconda della pressione breve o prolungata si potranno visualizzare anteprime esterne dei contenuti delle app, come per esempio le e-mail o le foto di Instagram, oppure di attivare dei menu di accesso veloce. 

C'è poi un terzo livello di pressione che consentirà di aprire le anteprime generate in precedenza. 

Il tutto funziona anche nei videogiochi, con interessanti potenzialità future, una volta che i programmatori le avranno sfruttate in pieno. Un'altra importante novità è Live Photo. La nuova funzione realizzerà dal singolo scatto un filmato istantaneo di circa due secondi che peserà al massimo quanto due foto e conterrà anche l'audio. Foto Live si potrà condividere con altri dispositivi che hanno l'iOS 9. Grazie ai nuovi processori e al nuovo sistema operativo le foto saranno ancora più 'stabili', e più luminose di notte, col flash Retina. La connettività, infine, è sempre più avanzata, con 23 bande Lte supportate e un WiFi più veloce e potente.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]