Danimarca chiude ai rifugiati: Nord Europa ufficialmente diviso

09 settembre 2015, Marta Moriconi
Danimarca chiude ai rifugiati: Nord Europa ufficialmente diviso
La Danimarca dice basta: porte chiuse ai rifugiati e misure restrittive.

L'annuncio lo fa direttamente alla fonte "dei problemi", i giornali libanesi. 

Così Copenaghen sbarra le porte della solidarietà e alla Germania in qualche modo.

Il Nord Europa non è unito. E lo pubblicizza pure. 

In pratica la Danimarca usa i giornali libanesi che accolgono migliaia di rifugiati ma manda un messaggio ancora più chiaro alla Merkel e via stampa: noi non accogliamo più. "Abbiamo deciso di rendere più rigide le regole che si applicano ai rifugiati": con questa forza dissuasiva il governo danese toglie ogni dubbio sulla sua politica sull'immigrazione.

Il testo è uscito lunedì 8, in arabo e in inglese, a cura del Ministero per l’Immigrazione e l’Integrazione danese.

Addirittura questo governo ha tagliato i fondi ai rifugiati del 50%. impedendo anche il riavvicinamento famigliare per il primo anno di permanenza con permesso temporaneo.

Inoltre si dice che è obbligatorio, per chi riuscisse a restare, imparare la lingua danese.

Sarà che le domande di asilo sono aumentate tanto nel solo 2014 (il primo ministro e leader del partito liberale aveva sperato in una diminuzione e l'aveva anche dichiarato) che i danesi hanno votato sempre più a destra con un intento ben preciso: chiudere agli immigrati.


caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]