Furbetti del cartellino in camice bianco: tre sospesi ad Aversa

09 settembre 2016 ore 10:31, Americo Mascarucci
Ancora furbetti del cartellino.
Stavolta sono stati beccati all'ospedale di Aversa in provincia di Caserta e a loro carico sono subito scattati i provvedimenti di sospensione dal lavoro.
Si tratta di tre dipendenti  dell’ospedale "Moscati" di Aversa sospesi con l’accusa di truffa aggravata e falsa attestazione della presenza sul posto di lavoro: più volte avrebbero abbandonato il posto di lavoro per svolgere faccende private. 
A finire nel mirino degli inquirenti sono stati un dirigente medico, un collaboratore professionale sanitario esperto e un operatore socio sanitario.  
Le indagini dei militari dell'Arma, coadiuvati dai Nas di Caserta, erano cominciate nel novembre del 2015 per terminare lo scorso marzo, periodo in cui sono state attestate le presunte irregolarità. 
Oltre ai tre lavoratori sospesi, altri dipendenti sono stati denunciati a piede libero dalla Procura per omesso controllo e vigilanza sui tre.

Furbetti del cartellino in camice bianco: tre sospesi ad Aversa
II provvedimento cautelare scaturisce da un’articolata indagine volta al contrasto del fenomeno dell’assenteismo tra i dipendenti del presidio ospedaliero aversano. 
Nell'ambito di questa indagine molto accurata è stato possibile raccogliere, a detta degli investigatori, gravi elementi indiziari a carico dei tre dipendenti infedeli, i quali – mediante condotta fraudolenta consistente nell'irregolare utilizzo del sistema di rilevazione delle presenze – si sarebbero allontanati ripetutamente dal posto di lavoro per adempiere ad incombenze di natura privata.
Ora naturalmente dovrà essere un processo ad accertare l'effettiva natura fraudolenta di detti comportamenti.


caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]