Influenza "bussa" in anticipo, primo ceppo in azione: "Sotto coi vaccini"

09 settembre 2016 ore 16:08, Americo Mascarucci
L'influenza ha già fatto quest'anno la sua comparsa rendendo dunque necessaria una rapida vaccinazione soprattutto nei bambini e negli anziani, evitando di farsi condizionare da false paure.
Un ceppo di virus influenzale di specie A sottotipo H3 è stato rilevato mercoledì 7 settembre, con grande anticipo rispetto al periodo epidemico, da un tampone faringeo appartenente a un bambino migrante di tre anni e cinque mesi, ricoverato dal 3 settembre al Dipartimento Materno-Infantile dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma con febbre alta e compromissione bronchiale.
L’identificazione del virus è avvenuta nella struttura guidata da Maria Cristina Medici, afferente alla Virologia dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma, diretta dalla professoressa Adriana Calderaro. 
"Un fenomeno simile non si era mai visto – afferma la specialista –, ormai i virus influenzali non si limitano a circolare nella sola stagione invernale, in cui si concentra il picco epidemico, ma si estendono a tutti i periodi dell’anno. In questo modo causano casi sporadici in soggetti come i bambini che non avendo esperienza di precedenti infezioni del genere sono più suscettibili degli adulti a infettarsi e ammalarsi". 
La continua circolazione di questi virus favorisce ulteriormente la comparsa di nuove varianti virali che, generalmente, segnano l’inizio della successiva stagione epidemica invernale. 
La caratterizzazione più precisa del ceppo di influenza A/H3 identificato è attualmente in corso.

Influenza 'bussa' in anticipo, primo ceppo in azione: 'Sotto coi vaccini'
Il bambino, dopo reidratazione e risoluzione della febbre, è stato dimesso il 7 settembre 2016. 
Il virus influenzale di specie A provoca infezione e malattia nell'uomo con circolazione ed episodi epidemici ricorrenti. Nei Paesi a clima temperato, i casi di infezione si manifestano generalmente nella stagione invernale. Identificato il primo ceppo di virus influenzale
Informazioni aggiornate al 5 settembre 2016 dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) sulla base dei dati disponibili attestano l’attuale circolazione di virus influenza A (H3N2), ma anche quella di virus influenza A (H1N1), responsabile di pandemia nel 2009, e di virus influenza B, con prevalenze differenti nei diversi paesi. 
La stessa OMS segnala l’assenza di dati al riguardo relativi al nostro Paese.
"Sappiamo cosa succede se non ci vacciniamo – aggiunge il presidente dell’Istituto superiore di sanità, Walter Ricciardi – due anni fa abbiamo visto tantissimi morti in più per la paura del vaccino ritirato". 



caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]