Crollo ponte A14: errori, aggiornamenti e viabilità

10 marzo 2017 ore 10:47, Luca Lippi
A 14 riaperta in direzione sud. Una sola corsia, e rimossa l’uscita obbligatoria a Loreto/Porto Recanati. Il parziale ripristino della viabilità segue all’incidente di ieri sull’importante arteria autostradale dove, al chilometro  235,800, il cavalcavia è venuto giù per un cedimento strutturale causando la morte di due persone.
Sul luogo dell’incidente, dove per tutta la notte sono intervenute le squadre di Autostrade per l’Italia per ripristinare la viabilità in sicurezza, è stata inizialmente riaperta la corsia di sorpasso in direzione sud intorno alle 8, per poi riaprire verso le 8,45 anche la direzione nord riducendo i disagi per la viabilità del tratto.

LE INDAGINI
Dietro il crollo del ponte 167 sull'A14, all'altezza di Camerano, secondo il parere del Pm di Ancona che sta indagando per omicidio colposo plurimo "C'è un errore umano". 
Autostrade per l'Italia parla di un "incidente non prevedibile" e di "materiali in ottime condizioni". Intanto il ministro Delrio ha inviato una squadra di ispettori.
Come riporta il Corriere della Sera, sarebbe stato il cedimento dei pilastri provvisori realizzati per sostenere i martinetti utilizzati per sollevare il cavalcavia. Tra le ipotesi sulle cause dell'incidente c'è anche quella di un malfunzionamento della centralina che governa questi martinetti, che dunque avrebbero inclinato troppo il ponte, determinando il crollo.
Al vaglio della Procura ci sono due ipotesi. Nel primo caso, il troncone potrebbe essersi inclinato durante il sollevamento proprio a causa dei martinetti. A causare il crollo potrebbe però essere stato anche il cedimento del pilone che faceva da perno. Il pm Bilotta affiderà una consulenza a un professore universitario per far luce sulla dinamica. E' stata inoltre disposta l'autopsia sui due coniugi rimasti uccisi.

Crollo ponte A14: errori, aggiornamenti e viabilità

LE VITTIME
Il cedimento del ponte sulla A14 ha provocato la morte di due persone, Emidio Diomede, 60 anni, del teramano, e sua moglie Antonella Viviani, 54, originaria della provincia di Ascoli Piceno. La coppia, sposata da 36 anni, si trovava a bordo di un’auto, travolta dal cavalcavia. Nel crollo sono rimasti feriti anche tre operai che lavoravano nel cantiere.
Secondo quanto ha dichiarato Alessio Cesareo, comandante della polizia stradale delle Marche: "Dalla prima analisi, c'è stata una collisione fra il veicolo e la trave portante del cavalcavia: evidentemente la trave è crollata. Gli operai lavoravano non sul cavalcavia ma alla base, sono rimasti feriti probabilmente nell'atto di evitare il crollo".

LA DIFESA DI SOCIETA’ AUTOSTRADE
Autostrade per l'Italia assicura tuttavia la "piena sicurezza dei cavalcavia" della propria rete. Gli inquirenti però si chiedono perché quel tratto non è stato chiuso al traffico giovedì mattina, durante i lavori. 
Una fonte dell'azienda ha replicato che si trattava di un "intervento di routine" e che la chiusura al traffico si verifica soltanto quando si sostituisce un ponte vecchio, di solito durante la notte.

#CrolloPonte #A14 #Traffico

autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...