Export, nel 2016 è ''boom'' del Sud (+8,5%). Nord battuto e Basilicata top

14 marzo 2017 ore 8:13, intelligo
di Stefano Ursi

Nel quarto trimestre 2016 l’export di tutte le ripartizioni territoriali risulta in crescita rispetto al trimestre precedente: +5,3% per l'Italia meridionale e insulare, +4,2% per l'Italia centrale, +2,8 per le regioni nord-orientali e +1,6% per quelle nord-occidentali. Lo rende noto l'Istat. Il Sud, secondo quanto raccontano i dati dell'Istituto, batte il Nord quanto ad esportazioni. Nell'anno 2016 – spiega la nota – l'aumento dell'export nazionale (+1,2%) riflette l'incremento registrato per le regioni delle aree meridionale (+8,5%), centrale (+2,1%) e nord-orientale (+1,8%) e l'ampio calo dell'area insulare (-15,0%), mentre l'area nord-occidentale risulta stazionaria. Tra le regioni che forniscono il più ampio contributo positivo alla crescita delle esportazioni nazionali – si legge – si segnalano: Basilicata (+53,5%), Lombardia (+0,8%), Emilia-Romagna (+1,5%), Friuli-Venezia Giulia (+6,3,%), Veneto (+1,3%), Abruzzo (+9,7%), Marche (+5,6%), Lazio (+3,0%) e Liguria (+7,7%). Tra quelle che forniscono un contributo negativo si evidenziano: Sicilia (-17,3%), Piemonte (-3,0%) e Sardegna (-10,9%).

Export, nel 2016 è ''boom'' del Sud (+8,5%). Nord battuto e Basilicata top
Pixabay
Nell'anno 2016 – spiega la nota Istat – l'aumento delle vendite di autoveicoli dalla Basilicata, di mezzi di trasporto, autoveicoli esclusi, da Friuli-Venezia Giulia, Lazio e Liguria e di articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici dalle Marche contribuisce alla crescita dell'export nazionale per un punto percentuale. Ancora altri dati nello specifico, che chiariscono il quadro dell'export relativo al periodo preso in esame. Le vendite dalla Basilicata e dal Friuli-Venezia Giulia verso gli Stati Uniti e quelle dalla Toscana verso la Svizzera e la Francia forniscono un impulso positivo all'export nazionale, mentre flettono le vendite del Piemonte verso gli Stati Uniti e del Lazio verso il Belgio. Nell'anno 2016 – spiega ancora Istat – la positiva performance all'export di Potenza, Milano, Frosinone, Trieste, Ascoli Piceno, Chieti, Roma, Padova, Bergamo e Verona contribuisce positivamente all'export nazionale. Le province che contribuiscono in misura maggiore alla diminuzione delle vendite sui mercati esteri sono Torino, Siracusa, Latina, Varese e Cagliari.

#export #sud #nord
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...