‘Manovrina’ diventa Legge: la correzione chiesta da Ue punto per punto

15 giugno 2017 ore 16:14, Luca Lippi
Approvata con la fiducia la manovra aggiuntiva, la cosiddetta ‘manovrina’ chiesta dalla Ue per correggere i conti pubblici di 3,1 miliardi sull'indebitamento netto 2017 (3,4 miliardi strutturali pari allo 0,2% del Pil come concordato con la Ue). I voti a favore sono stati 144, i no 104, un astenuto. Sono risultati presenti 251 senatori e votanti 249. L'asticella della maggioranza era a quota 125. Con questo voto, Palazzo Madama ha dato il disco verde definitivo alla conversione in legge del decreto legge. Nella manovra ci sono tutti i provvedimenti di cui abbiamo parlato nei giorni scorsi e che ora andiamo ad esaminare nel dettaglio giacché sono diventati definitivi.

Prestito ponte per Alitalia - 600 milioni per Alitalia, necessari ad assicurare la continuità della compagnia di volo. Graziano Delrio ha specificato nei giorni scorsi che il prestito ponte di 600 milioni ad Alitalia dovrà essere oneroso, perché “lo Stato conta di rientrare”. Un prestito oneroso è una dazione di denaro non gratuita, ma dietro pagamento di una somma da parte della società che ne gode il beneficio. È bene ricordare che già nel 2008 Alitalia ha goduto di un prestito ponte di 300 milioni di euro, mai più rivisti!
‘Manovrina’ diventa Legge: la correzione chiesta da Ue punto per punto
Nuovo e definitivo stop a Flixbus - Approvato con emendamento del Pd alla Camera anche lo stop, temporaneamente sospeso, alla società di trasporti Flixbus e alle realtà simili. Di fatto si riconduce la normativa del servizio al dettato del decreto milleproroghe che è diventato legge a febbraio scorso. La norma prevede che le autorizzazioni sulle tratte interregionali per il servizio di trasporto di autobus possano essere concesse solo a raggruppamenti di imprese guidate da operatori economici la cui principale attività è il trasporto di passeggeri su strada. 
Contro questa norma già a febbraio scorso la società tedesca aveva già protestato. Ora lo stop diventa definitivo e definitivamente la società di autobus extra-urbani che, sulla base di una piattaforma digitale, effettua servizi di trasporto low-cost in tutta Europa si trova ad essere fuorilegge. 
Disabili e lavoro - Previsto un aumento del Fondo per il diritto al lavoro dei disabili pari a 58 milioni.
Sismabonus e fondo solidarietà comunale - Ok al nuovo fondo di 3 miliardi in tre anni. Previsti maggiori spazi finanziari per usare le risorse destinate alla ricostruzione. E rientra nel testo il diritto al 90% del Fondo di solidarietà comunale 2017. Inoltre, i presidenti di Veneto, Emilia-Romagna e Lombardia potranno stipulare mutui per il finanziamento degli interventi di miglioramento antisismico. Prorogata, tra l'altro, la zona franca per il sisma in Emilia del 2012. Approvata la disposizione che estende il sismabonus allacquisto di case demolite e ricostruite, mentre vengono stanziati 40 milioni in tre anni per la progettazione definitiva ed esecutiva di opere pubbliche in comuni ad alto rischio sismico. I contribuenti delle aree interessate dal terremoto beneficeranno, poi, di una dichiarazione dei redditi più semplice. Il modello 730, infatti, potrà essere presentato senza sostituto d'imposta: si riceverà il rimborso direttamente dall'Agenzia delle entrate.
Costruzione stadi - Nello studio di fattibilità per la costruzione di un nuovo stadio potrà essere prevista la realizzazione di immobili "con destinazioni d'uso diverse da quella sportiva", ma "con esclusione della realizzazione dei nuovi complessi di edilizia residenziale". Vanno bene dunque i centri commerciali, inoltre, ai piccoli impianti sportivi si possono destinare fino a 200 metri quadrati di superficie utile lorda per i bar, durante lo svolgimento di eventi, e fino a 100 metri quadrati per la vendita di merchandising.
Taglio alle slot - riduzione delle new slot (Awp) da realizzare in due step e in anticipo sulla originaria tabella di marcia: entro dicembre 2017 i dispositivi di giocosranno ridotti del 15%. Subiranno un ulteriore taglio del 19% entro il 30 aprile 2018, così da permettere una riduzione complessiva del 34% e il raggiungimento del tetto massimo di 265mila Awp. Inoltre i concessionari che non rispetteranno l'obbligo di dismissione delle macchinette entro cinque giorni dalla comunicazione dell'Agenzia delle dogane e dei monopoli saranno puniti con una maxi-multa di 10mila euro per ogni singola slot.
Liberalizzazione delle edicole - Per aprire un'edicola basterà la Scia. Di fatto è la liberalizzazione della vendita dei giornali che in questo modo si estende anche alle edicole stagionali. Inseriti nel testo anche un credito d'imposta del 75% per imprese che investono in campagne pubblicitarie su stampa, radio e tv, e l'aumento di 50 milioni (così da arrivare a quota 125 milioni) della somma destinata al Fondo per il pluralismo e l'innovazione dell'informazione e proveniente dall'extragettito Rai. Altri 45 milioni in cinque anni serviranno a favorire la pensione anticipata dei giornalisti in caso di ristrutturazione o riorganizzazione per crisi aziendali di imprese editoriali.
Affitti brevi - Confermato il ruolo di sostituto d'imposta per gli intermediari che operano nel settore degli affitti brevi. Gli operatori dovranno esigere la cedolare secca del 21% per il fisco italiano. Operatori come Airbnb e Booking, sono tenuti a nominare un rappresentante fiscale. Infine, estesa alle case private la tassa di soggiorno valida per gli hotel che, tra l'altro, i comuni potranno rivedere al rialzo.
Lavoro accessorio (voucher) - la nuova regolamentazione del lavoro accessorio per i 'lavoretti’ in famiglia (come baby sitting e giardinaggio), ma anche per prestazioni in imprese fino a 5 dipendenti. Più stringenti le soglie numeriche per ricorrere allo strumento: 5mila euro massimo annui per il lavoratore e 5mila per lavoro accessorio anche per il datore; 2500 euro l’anno da un singolo datore per il lavoratore; 2800 ore annue di lavoro, pena assunzione a tempo indeterminato. 
‘Libretti famiglia’ per le prestazioni in casa e dei ‘contratti di prestazione occasionale’ per le micro-imprese: niente più acquisti dal tabaccaio, servirà una registrazione online sul portale dell’Inps o alternativamente, nel caso delle famiglie, il ricorso ai patronati. Per i "Libretti famiglia" il titolo di pagamento vale 10 euro a cui si sommano 1,65 euro di contributi Inps, 0,25 euro di assicurazione infortuni e 0,10 euro di oneri di gestione; per le imprese, invece (escluse quelle edili e degli appalti, per cui lo strumento non è utilizzabile), il compenso non può essere inferiore a 36 euro e la paga minima oraria ammonta a 9 euro, più i contributi a carico del datore nella misura del 33% del compenso e il premio assicurativo contro gli infortuni. Sempre nelle imprese, inoltre, sono previsti un limite massimo di quattro ore continuative di lavoro, l’esclusione totale nel caso in cui il lavoratore abbia già stipulato un contratto di lavoro subordinato o di collaborazione con la stessa impresa negli ultimi sei mesi e l’obbligo di comunicare entro un’ora dall’inizio dell'attività che la prestazione avrà luogo. 
Anas - Ok alla fusione tra Anas e Ferrovie dello Stato, con trenta giorni di tempo per il trasferimento delle azioni a Fs, a partire dalla data di perfezionamento del contratto di programma 2016-2020. Inoltre disposto lo stop al versamento delle rate di concessione per le autostrade A24 e A25. 
Trasporto pubblico locale e ferrovie - Stop alla circolazione dei vecchi bus inquinanti, alimentati a benzina o gasolio e di tipo euro 0 o euro 1. Introduzione dei sistemi di conteggio dei passeggeri e di bigliettazione elettronica. Quanto alle tariffe del tpl, queste saranno ridefinite in base a Isee e media dei costi in Ue. Novità in più, poi, per la Regione Umbria che ottiene più di 45 milioni di euro per sanare la situazione debitoria di Busitalia-Sita Nod e delle sue controllate. Per le ferrovie, sei milioni di euro in tre anni vengono destinati alla sicurezza del trasporto.
Clausole di salvaguardia – rimodulate! Restano fissate per il 1° gennaio 2018, ma sono state ritoccate al ribasso da quasi 20 miliardi di euro a 15,2 miliardi. Il Governo ha confermato l'impegno per una sterilizzazione. L'intenzione, cioè, è di scongiurare l'incremento dell'imposta sul valore aggiunto.
Split payment - Confermata la parte più corposa del decreto correttivo sul fronte delle entrate, il meccanismo dello split payment esteso a tutte le società controllate dalle Pa, centrali o periferiche, in via diretta o indiretta. E la scissione dei pagamenti opererà anche per i professionisti, nonostante le critiche sul punto e alcuni emendamenti depositati per escludere la categoria. Novità sul fronte dei rimborsi Iva connessi al meccanismo: non andranno più assicurati entro 90 giorni, ma in 65, così da assecondare le richieste di garanzia per la liquidità delle imprese.
Web tax - concepita come un intervento transitorio o 'pontè, in attesa che si intervenga a livello sovranazionale con regole comuni. Non un regime di tassazione, ma l'ok a nuove regole per accordi di tipo fiscale tra i colossi dell'economia digitale e il fisco italiano. I giganti del web, con oltre un miliardo di ricavi e un giro d'affari di almeno 50 milioni di euro, potranno stringere accordi preventivi con l'Agenzia delle entrate. Possibile anche chiedere il riconoscimento della stabile organizzazione e regolare i conti con il fisco rispetto al passato, attraverso un accertamento con adesione, sanzioni dimezzate e il rischio di un procedimento penale azzerato.
Dichiarazione dei redditi contribuenti area sisma - beneficeranno di una dichiarazione dei redditi più semplice. Il modello 730, infatti, potrà essere presentato senza sostituto d'imposta: si riceverà il rimborso direttamente dall'Agenzia delle entrate.
Studi di settore – via i vecchi studi di settore e si parte con l'introduzione degli Indici sintetici di affidabilità fiscale. La transizione avviene nel 2017 e prevede l'approdo a una scala da 1 a 10 per la valutazione del contribuente. Più sale il punteggio, migliore è il trattamento riservato dal fisco.
Voluntary bis - riapertura dei termini relativi alla collaborazione volontaria in materia fiscale. Le sanzioni non si applicano al caso di mancato o insufficiente versamento spontaneo delle somme dovute ma all'ipotesi in cui non si provveda spontaneamente al versamento delle somme entro i termini di legge. Il recupero delle somme in caso di versamento insufficiente avverrà non più sull'ammontare calcolato secondo quanto previsto per il mancato versamento, con l'applicazione di una sanzione specifica, ma piuttosto recuperando il dovuto a titolo di imposte, ritenute, contributi, interessi e sanzioni in base all'istanza di collaborazione presentata all'inizio, ferma restando la maggiorazione del 10%. In ogni caso c'è un limite all'importo delle somme da versare che non può essere comunque superiore a quello determinato per l'ipotesi di mancato spontaneo versamento nei termini.
Rottamazione delle liti tributarie - non rientrano soltanto quelle che coinvolgono l'Agenzie delle Entrate. Prevista l'applicazione delle norme sulla definizione agevolata anche agli enti territoriali. Rivisti anche i tempi per l'adesione: il termine di riferimento non è più la costituzione in giudizio ma il momento di notifica del ricorso alla controparte, che deve avvenire entro il 24 aprile, giorno di entrata in vigore della manovrina. Prevista la rimozione del blocco su rilascio del Documento unico di regolarità contributiva (Durc) alle imprese che hanno aderito alla definizione agevolata.
Banche, npl, bail-in - Per le gestione delle sofferenze bancarie via libera alla cessione dei crediti deteriorati. Le società di cartolarizzazione possono concedere finanziamenti per migliorare le prospettive di recupero dei crediti e acquisire o sottoscrivere azioni, quote od altri titoli e strumenti partecipativi che derivano dalla conversione di parte dei crediti. Prevista, poi, la possibilità di costituire società-veicolo, sempre a bilancio delle banche, per acquisire, gestire e valorizzare i beni immobili e mobili e gli altri beni posti a garanzia dei crediti. Sempre sul fronte bancario, la manovrina esclude dal bail-in la previdenza complementare (i fondi pensione).
Addio alle monetine da uno e due centesimi - dal primo gennaio 2018 il conio viene sospeso e si prevede l'arrotondamento dei prezzi al multiplo di 5 più vicino. A monitorare l'impatto della norma sarà il Garante dei prezzi.
Ripristino dei poteri Anac - Ok al ripristino dei poteri dell'Anac, dopo i limiti posti nel recente correttivo al Codice degli appalti. Le nuove norme rafforzano i poteri dell'Anticorruzione guidata da Raffaele Cantone e stabiliscono per l'Autorità il potere di agire in giudizio contro bandi, atti generali e provvedimenti per contratti di qualsiasi stazione appaltante che violino le norme sui contratti pubblici relativi a lavori, servizi o forniture.
Risorse per regioni, province e città metropolitane - Centosettanta milioni in più per le province, destinati allesercizio delle funzioni fondamentali nel 2017 e nel 2018. In questo modo, si arriva a 180 milioni nei due anni e a ulteriori 80 milioni nel 2019. Ok anche alla destinazione di 15 milioni alle province per le scuole nel 2017 e di dieci milioni a quelle che hanno dichiarato dissesto entro il 31 dicembre 2015. Sempre alle province viene riconosciuta la possibilità di modificare i piani di riequilibrio non ancora approvati, mentre 12 milioni all'anno per il biennio 2017-2018 andranno alle Città metropolitane. Ok alla proroga da 20 a 50 giorni del termine entro cui l’organo di controllo regionale può pretendere l’approvazione del rendiconto di gestione degli enti locali, non ancora pervenuto. E alle regioni sono destinati, in caso di rottamazione di una lite tributaria che riguarda Irap o addizionale Irpef, gli introiti delle controversie agevolate. Quanto all’occupazione, possibile un turnover al 75% per due anni per le regioni virtuose che nell’anno precedente hanno destinato a spese del personale meno del 12% delle entrate correnti. Per i comuni fino a 3mila abitanti, invece, il turnover potrà spingersi fino al 100% a condizione che il rapporto tra le spese per il personale e la media delle entrate correnti dell'ultimo triennio sia inferiore al 24%.
Stabilizzazione della mediazione obbligatoria - Viene resa stabile la disciplina della mediazione obbligatoria per controversie su condomini, diritti reali, divisione, successioni ereditarie, patti di famiglia, locazione, comodato, affitto di aziende, risarcimento del danno da responsabilità medico-sanitaria e da diffamazione a mezzo stampa o ‘con altro mezzo di pubblicità’, oltre a contratti assicurativi, bancari e finanziari.

#Manovra #Manovrina #Puntoperpunto
autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...