L'euro fa 15 anni: tutti gli aumenti dal caffè al cinema, ma anche risparmi

02 gennaio 2017 ore 16:57, Andrea De Angelis
Sono passato quindici anni da quando l'euro è entrato letteralmente nelle nostre tasche. La nuova moneta ha portato con sé inevitabilmente tanti commenti, suggestioni, teorie più o meno giustificate. A tre lustri di distanza è legittimo provare a trarre un bilancio e se, come noto, grazie all'euro oggi si pagano meno interessi sui prestiti ed è più facile ottenere dei mutui, è altrettanto vero che assistiamo ancora a dei rincari ingiustificati rispetto al passato. Veri e propri casi di raddoppiamento dei prezzi, dovuti ad astuzie poco oneste dei commercianti, ma anche talvolta a mancati controlli (specie nella fase iniziale). 

L'euro fa 15 anni: tutti gli aumenti dal caffè al cinema, ma anche risparmi
Vediamo così dove si risparmia e si è risparmiato. Sicuramente un televisore oggi, rispetto al passato, costa decisamente di meno. E anche per quanto riguarda le automobili la situazione è simile rispetto all'inizio del ventunesimo secolo. Sono aumentate invece le case, anche se il mercato immobiliare ha ragioni che la moneta, verrebbe da dire modulando un noto detto, non sempre conosce. Così se gli aumenti sono stati vertiginosi per il mattone nei primi dieci anni del secolo, adesso si registra un deciso calo. 
Venendo alla quotidianità, uno dei rincari più clamorosi è quello relativo al costo della pizza. Se era legittimo mangiare a Roma una margherita a 5000 lire, adesso trovarla a 5 euro è già un'impresa tutt'altro che semplice. Insomma, non ci siamo proprio. E più o meno il doppio è necessario anche per un semplice caffè, passato in media da poco meno di 1000 lire a poco meno di un euro. Eppure l'espresso è sempre quello. Così come il cinema: impensabile pagare una volta più di 10000 lire (se non quindici) per vedere un film sul grande schermo. 
Non parliamo poi di cosmetica e bellezza. Andare dal barbiere? Massimo 10000 lire, poi all'improvviso 10 euro. Non tutti, ci mancherebbe. Così come il mercato. Il famoso "tutto a 1 euro" oggi è sinonimo di convenienza, ma quante volte avreste pagato certe verdure a 2000 lire al chilo? Storie di ordinaria amministrazione. Rabbia compresa. 

caricamento in corso...
caricamento in corso...