Istat, l'inflazione in discesa: i settori in calo

31 luglio 2017 ore 17:09, intelligo
Il tasso di inflazione nel mese di luglio si è attestato all'1,1%: è il livello più basso rilevato fino ad ora. Lo evidenzia l'Istat nelle sue ultime stime da cui traspare una lenta diminuzione registrata nel 201 che va avanti già dal mese di maggio. A giugno l'inflazione era ferma all'1,2%. Rispetto a giugno l'indice dei prezzi è salito del 0,1%: a luglio i prezzi del cosiddetto carrello della spesa hanno determinato un aumento su base annua dello 0,8%, in leggero rialzo rispetto a giugno (+0,7%) ma sono rimasti comunque al di sotto del tasso d'inflazione (1,1%). Un aumento dei prezzi quindi, ma discreto. Vediamo nel dettaglio quali settori ne hanno risentito di più e quali meno.

ESTATE: PREZZI IN AUMENTO - Rispetto a giugno l'indice dei prezzi è salito dello 0,1%. E l'Istat ha rilevato quali sono i capitoli di spesa che, per il mese di luglio, hanno risentito di più dell'aumento dei prezzi: +2,6% per acqua e luce nella bolletta domestica, +2,3% per i trasporti, +2,2% per i servizi di ristorazione ed infine un contenuto +0,9% per i prodotti alimentari. Ma è proprio l'arrivo dell'estate a determinare un importante caro dei prezzi in alcuni settori: a luglio ecco che i biglietti aerei salgono del 12,5% (+13,8% la variazione annua, in attenuazione da +22,7% di giugno) e i biglietti dei traghetti a +13,2%; in aumento anche i prezzi di villaggi, campeggi e ostelli della gioventù registrando un +21,6%, mentre i prezzi di alberghi e motel, che scendono del -1,5%, restano comunque in aumento su base annua di un +5,1%.

UN CALO - Buone notizie, allora, per chi viaggia in auto: il diesel diminuisce del 2,0% su base mensile, e la benzina scende dell'1,6% rispetto a giugno (+1,8% la variazione annua, da +2,3%). Prezzi in calo, inoltre, per le comunicazioni con un -2,9% e l'istruzione con un -0,9%. L'inflazione "di fondo", al netto degli energetici e degli alimentari freschi, è quindi scesa di un decimo di punto percentuale (+0,8% da +0,9% di giugno). Il "lieve rallentamento" del tasso di inflazione, ha spiegato l'Istituto, è dovuto ai beni energetici, ai servizi per i trasporti e alle comunicazioni.

di Giulia Rossi
#Istat #inflazione #prezzi
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...