La crisi di Mps legata al Governo: le incognite della ricapitalizzazione

06 dicembre 2016 ore 17:15, Americo Mascarucci
Banca Monte dei Paschi prende tempo sul piano di salvataggio, in stand by dopo la bocciatura della riforma costituzionale e dalla crisi di governo.  
A Piazza Affari, in una giornata difficile per il comparto bancario, le vendite sono ulteriormente accelerate dopo che è emerso lo slittamento sul piano di ricapitalizzazione fino a 5 miliardi. 
Il titolo arretra ora del 5,95% ed è stato fermato in asta di volatilità. 
Di fronte all'incertezza del quadro politico, le banche hanno deciso di far slittare di qualche giorno la decisione su quando far partire l'operazione di rafforzamento del capitale da 5 miliardi di euro della banca senese. 
La crisi di Mps legata al Governo: le incognite della ricapitalizzazione
Il fondo del Qatar e gli altri investitori internazionali attendono anche loro gli sviluppo politici.
Anche se la trattativa con gli anchor investor (a partire dal fondo sovrano del Qatar) è formalmente ancora aperta, le chance che vada in porto una soluzione privata sono molto in salita. Al punto che il mercato ritiene sempre più probabile una ricapitalizzazione.

Intanto l'AD Marco Morelli è volato a Francoforte per cercare di ottenere dalla Bce un allungamento dei tempi sull'aumento di capitale. 
Resta da vedere se le autorità europee saranno disponibili a lasciare a Mps il tempo necessario per trovare anchor investor disponibili a comprare equity e partecipare all'aumento di capitale da 5 miliardi, il terzo in tre anni. 
Prendendo tempo a Mps sperano di trovare investitori disposti a impegnarsi a lungo termine nel capitale della banca in crisi patrimoniale, magari una volta che lo scenario politico italiano sarà più chiaro.
Intanto la crisi seguita ai risultasti referendari starebbe scoraggiando gli investitori stranieri mettendo a rischio l'operazione salvataggio. 

caricamento in corso...
caricamento in corso...