Bilancio 2017: Ong, migranti, Macron, Charlie Gard. Quando i buoni diventano cattivi

03 agosto 2017 ore 11:35, Fabio Torriero
Il bilancio di questo anno politico italiano e non solo, che (non) si conclude con le ferie di Agosto, in vista del prossimo autunno caldo, si è mosso su un’eterogenesi dei fini: i buoni sono diventati cattivi.
Noi infatti, eravamo abituati ad una narrazione fissa e ben definita (i cattivi sono i cattivi e i buoni sono i buoni). Invece, la cronaca degli ultimi mesi ha rovesciato i tavoli. E’ il segno evidente della nostra regressione culturale.

1) Le Ong, per principio “religioso”, pure, perfette, umanitarie, cominciano a scricchiolare. La loro immagine si sta appannando (il business dell’immigrazione). Ma loro (per autocertificazione) sono al di sopra dell’etica, della morale, della legge. Anzi, sono loro l’etica, il bene, la morale, la legge. Pertanto, non possono accettare limiti operativi, nel quadro - cosa inaccettabile e inconcepibile per la loro mission -  di un recupero normativo della sovranità degli Stati nazionali (come ha fatto, ad esempio, il nostro governo); intervento visto e letto come un’odiosa interferenza, parto del passato, di egoismo, del male, del nazionalismo becero, dei muri e non dei ponti. Stiamo
Bilancio 2017: Ong, migranti, Macron, Charlie Gard. Quando i buoni diventano cattivi
parlando del patto ormai noto tra Ong e scafisti. Secondo l’accusa, alcune di loro (ad esempio, la Juventa, la nave tedesca di proprietà della Judeng Retter), avrebbero il vizio di restituire i barconi ai trafficanti. Si parla addirittura di “consegne concordate”, cioè di migranti “pianificati” con membri del personale Ong, in accordo con la criminalità organizzata dei paesi di provenienza. A questo punto, aveva ragione il pm Carmelo Zuccaro, il procuratore eroe di Catania (solo e isolato dai media e dalla politica buonista), ad aver sollevato il caso, scoperchiando la pentola. Iniziativa, quella del governo italiano, che almeno ha avuto il merito di dividere il granitico e intoccabile mondo-Ong, la virtuosa Save the Children (che ha firmato il documento) è stata la prima a denunciare le anomalie. In quanto a Medici senza Frontiere, dovrebbe mettersi l’animo in pace: se teme l’intervento della Polizia sulle sue navi, evidentemente ha qualcosa da nascondere (e non lo crediamo). Oppure teme di turbare i buoni (i migranti) per definizione?
2) Anche i migranti, gli integrati da poco, sempre più spesso vengono scoperti cattivi: stuprano, rubano, spacciano, e aggrediscono gli italiani. Non c’è giorno che i tg parlino di questa triste realtà. Qualcuno aprirà gli occhi? Secondo studi ben precisi, dati alla mano, hanno una propensione al reato di 12 volte superiore agli italiani. Ma loro, come dice qualche nostro rappresentante del pensiero unico, vivono in cattività, nel disagio sociale, quindi godono dell’immunità ideologica e del diritto diseguale (a parità di reato, le pene non sono mai equiparabili ai nostri cittadini). Devono restare delle vittime.
3) La presidente della Camera, Laura Boldrini, incarnazione della bontà e dei diritti civili (molto cattiva con certi cattolici, come quelli del Family Day), ha allontanato proprio nel giorno di chiusura dei lavori parlamentari il grillino Di Battista, comportandosi come una maestrina che bacchetta lo scolaro indisciplinato, mandandolo in presidenza. Ma forse di Battista voleva soltanto andare al bagno;
4) A Macron il perfetto democratico e-liberale (è un prodotto geneticamente modificato dei poteri forti), è permesso tutto. Anche nazionalizzare i settori strategici della Francia (il caso Fincantieri docet), restaurando un protezionismo quasi ottocentesco. Se la medesima cosa l’avesse fatta Marine Le Pen (gli interessi sovrani), stampa, pensiero unico e nomenklature che contano, avrebbero tuonato contro il nuovo nazismo. Ma noi accettiamo tutto: anche l’assalto della francese Vivendi a Tim. Evidentemente per noi la telefonia non è importante;
5) La legge sulla tortura (dove la differenza tra il bene e il male sembra chiara), riserva invece molte sorprese: i poliziotti sono il male (non possono oltrepassare i limiti che si beccano una denuncia di tortura), i manifestanti violenti sono il bene. Basta guardare cosa è capitato al dirigente del Pd che ha osato criticare Giuliani, vittima del G7 di Genova;
6) Il disegno di legge-Fiano mira a rispolverare l’antifascismo di professione. Quando una certa sinistra perde su tutti i fronti (sicurezza, Ue, economia, immigrazione), ricorre al fantasma del fascismo, morto e sepolto da una vita e per cui (il divieto di ricostituzione del partito fascista), già esistono leggi ad hoc. Altro esempio di buoni che diventano cattivi (i dem). E di “cattivi obbligati”, i quali più che essere cattivi (il bagnino littorio di Punta Canna-Chioggia, Gianni Scarpa), sono semplicemente dei bontemponi;     
7) Con Charlie Gard abbiamo, infine, toccato il fondo: al di là del caso in sé, volevano far passare il principio del ti ammazzo per il tuo bene. Questo è stato il succo del messaggio della cultura del bene di stampo nord-europeo (ospedale inglese e Corte europea dei diritti umani), che tanti radical e liberal italiani vorrebbero importare da noi. Prendiamo tutti i disabili inguaribili, ma non incurabili, e buttiamoli al mare: le spese costano e sono inutili. La vita è vita solo quando risponde a canoni ideologici (efficienti, culturalmente accettabili) decisi da medici, istituzioni o giudici. La chiamano dignità. E i genitori di Charlie erano e sono solo degli egoisti a voler perpetuare un accanimento terapeutico sul loro bambino. Mentre i gay che vogliono per forza dei figli e se li comprano (utero in affitto), non sono egoisti, ma buoni, moderni, civili. Meno male che a fronte di ospedali normativamente disumani, ci sono anche ospedali (come il Bambin Gesù di Roma), cristiani, che pensano al diritto alla vita e non al dovere di morire. 
Ma la cultura cristiana per il laicismo imperante di oggi (la società radicale di massa) è il male.

#ong #migranti #charliegard
caricamento in corso...
caricamento in corso...