Zurigo, attacco al centro islamico: giallo su cadavere misterioso

20 dicembre 2016 ore 16:54, Adriano Scianca
È giallo sulla sparatoria in un centro islamico di Zurigo in cui ieri sono state ferite gravemente tre persone. Il presunto attentatore è stato trovato morto a poche centinaia di metri dal centro religioso, in riva al fiume Sihl, nel corso delle operazioni di ricerca. 

Zurigo, attacco al centro islamico: giallo su cadavere misterioso

L’attentatore, che era vestito di nero e aveva il volto coperto, è penetrato verso le 17:30 nel luogo di culto dove si trovavano diversi fedeli e ha sparato un numero imprecisato di colpi, ferendo in modo grave tre uomini rispettivamente di 30, 35 e 56 anni. Il centro islamico, situato vicino alla stazione centrale di Zurigo, nella Eisgasse, è frequentato soprattutto da persone originarie del Maghreb, della Somalia e dell'Eritrea. Le indagini hanno accertato un legame fra la persona ritrovata senza vita e la sparatoria, scrive oggi la polizia cantonale zurighese in una nota. Secondo la polizia, il responsabile avrebbe agito da solo. Stando ai primi elementi raccolti dagli inquirenti si tratterebbe di un individuo sulla trentina. Ancora oscuro il movente. 

La polizia ha precisato che non esistono indizi che facciano pensare a legami dello sparatore con l'Isis. Certo la concomitanza dell'evento con l'uccisione dell'ambasciatore russo ad Ankara e con l'attentato di Berlino suona inquietante, ma ancora non è chiaro se il gesto vada inserito nella stessa dinamica globale di terrorismo e destabilizzazione. Colpisce, in ogni caso, che l'obiettivo sia stato un luogo islamico. Nelle prossime ore ne sapremo di più.

caricamento in corso...
caricamento in corso...