Parigi, settimana da incubo. Allarme bomba in Tribunale: è rientrato

20 marzo 2017 ore 14:39, Micaela Del Monte
Allerta di nuovo alta a Parigi dove poche ore fa è scattato un allarme bomba al polo finanziario (Pnf) del tribunale. Il Pnf del Tribunal de Grande Instance si trova nella centralissima rue des Italiens, non lontano dall'Opera, nel nono arrondissement.

Parigi, settimana da incubo. Allarme bomba in Tribunale: è rientrato
Questa mattina, poco dopo le 10, il centralino della polizia ha ricevuto una telefonata anonima che annunciava la presenza di una bomba nei locali del tribunale del polo finanziario del Palazzo di giustizia di Parigi, dove si trova anche quello della Procura finanziaria. Un centinaio di persone sono state fatte uscire e il servizio artificieri è arrivato sul posto per le verifiche. L'intera zona è stata chiusa e tutti gli edifici intorno al tribunale sono stati evacuati."Le forze dell’ordine stanno cercando l’esplosivo in tutto l’edificio, è un lavoro che potrebbe richiedere gran parte della giornata", hanno spiegato fonti interne alla polizia di Parigi.
Questi ultimi giorni sono stati davvero difficili per la capitale francese. Il 16 marzo infatti una persona è rimasta ferita nella sede del Fondo Monetario Internazionale (Fmi) a Parigi dopo aver aperto una busta esplosiva. La sede si trova nel 16esimo arrondissement, all'indirizzo avenue d'Iéna numero 66, non lontano dall'Arco di Trionfo. Il presidente della Republica francese, Francois Hollande, lo ha definito "un attentato". La numero uno del Fmi, Cristine Lagarde, ha condannato "l'atto di violenza".

Il giorno seguente (17 marzo) in un condominio di Parigi, fra la Bastiglia e place de la Nation un uomo ha sgozzato il padre e il fratello ed ha aspettato la polizia nel cortile di casa. Secondo alcune fonti non confermate l’uomo, in evidente stato di alterazione mentale, avrebbe gridato “Allah Akbar”.

Neanche 24 ore dopo un uomo di 39 anni ha assalito un gruppo di militari all’aeroporto di Parigi Orly, ha puntato la pistola contro una soldatessa e ha gridato: “Deponete le vostre armi, sono qui per morire per Allah, in ogni caso ci saranno dei morti”. Il pregiudicato francese ha quindi tentato di scappare nella hall del terminal Sud dello scalo, ma è stato colpito e ucciso. Secondo le prime ricostruzioni, l’assalitore, prima di arrivare a Orly, ha sparato su tre poliziotti durante un controllo di routine a Garges-lès-Gonesse (Val-d’Oise), a Nord della Capitale: un agente è stato ricoverato per le ferite alla testa. L'uomo si è quindi spostato verso Sud: è entrato in un bar a Vitry-sur-Seine (Val-de-Marne), dove ha minacciato alcune persone. Poco dopo ha rubato un’automobile che ha utilizzato per raggiungere l’aeroporto. Secondo le Parisien, l’assalitore ha gridato “in nome di Allah” mentre rubava la vettura e nel suo zaino è stata trovata una tanica di benzina.


Ore 14:38 
E' rientrato l'allarme bomba al tribunale di Parigi. Le unità cinofile dopo l'evacuazione dell'edificio non hanno rinvenuto tracce di esplosivo. 
caricamento in corso...
caricamento in corso...