Impieghi fittizi, Marine Le Pen nel mirino come Fillon ma paga il doppio

23 febbraio 2017 ore 14:22, Americo Mascarucci
Il Fronte Nazionale di Marine Le Pen è in testa nei sondaggi per le presidenziali francesi ma intanto divampa la bufera giudiziaria. Il capo di gabinetto della leader dell'estrema destra francese è infatti indagata nell'ambito dell'inchiesta sui presunti impieghi fittizi all'Europarlamento. Interrogata anche la guardia del corpo di Le Pen che in serata è stato rimesso in libertà senza che venisse mossa a suo carico alcuna accusa.
Impieghi fittizi, Marine Le Pen nel mirino come Fillon ma paga il doppio

Le accuse
L'assistente di Le Pen è indagata per abuso d'ufficio. Su di lei pesa l'accusa di essere stata stipendiata con i soldi del contribuente europeo quando invece lavorava in Francia per il Front National.
I magistrati hanno interrogato i due assistenti parlamentari a Strasburgo sulle cui mansioni è aperta l'inchiesta per truffa e abuso d'ufficio. Lunedì la polizia ha inoltre perquisito i locali del partito alla ricerca di documenti. 
In pratica si tratta delle stesse accuse che hanno investito il rivale di destra Francois Fillon anche lui finito nella bufera per presunti impieghi fittizi affidati alla moglie e ai figli, retribuiti secondo l'accusa senza lavorare. Però Le Pen sembrerebbe pagare il prezzo maggiore visto che è lei ad essere in vantaggio e a guidare il gioco nelle presidenziali francesi.

La difesa
"E' un complotto" denuncia Marine Le Pen che annuncia l'intenzione di andare avanti confortata dai nuovi sondaggi che la vedono sempre più vincente al primo turno delle presidenziale di primavera. Addirittura negli ultimi giorni la leader del Front avrebbe guadagnato mezzo punto. Al momento Marine Le pen è infatti accreditata  al 26,5% delle intenzioni di voto, mentre i principali sfidanti sarebbero fermi, al 19% Fillon e al 18% Macron. Quest'ultimo però sarebbe in rapidissima acesa e potrebbe essere proprio lui a sfidare le Pen al ballottaggio. 
Stranamente mentre gli scandali giudiziari hanno indebolito Fillon che sembrava il grande favorito delle presidenziali, nel caso della Le Pen sembrerebbe valere la regola contraria, quella cioè di guadagnare consensi. Alla fine insomma potrebbero non essere soltanto i francesi del Front National a ritenere l'inchiesta un "complotto a tavolino".



caricamento in corso...
caricamento in corso...