Pescara, il VIDEO che fa vergognare: padre segue il primo furto del figlio (di due anni)

15 gennaio 2016 ore 11:17, Micaela Del Monte
A Pescara è stata sgominata una banda di giovani, tra cui un minorenne, resasi responsabile di una serie di furti commessi in danno di esercizi commerciali e di abitazioni, nonché di borseggi, truffe on-line e atti vandalici; complessivamente sono stati indagati undici giovani, uno dei quali uno è finito in carcere, mentre altri due sono stati posti all'obbligo di dimora in base all'ordinanza emessa dal Gip del Tribunale di Pescara, Antonella Di Carlo.

L'operazione è stata possibile grazie ad una fitta rete di intercettazioni e di indagini sviluppate in seguito a diverse segnalazioni di episodi criminosi accaduti nel capoluogo abruzzese. I giovani prima di commettere i furti si drogavano per esaltarsi e poi riprendevano le loro azioni con i propri smartphone. E proprio in merito a questi arresti la polizia di Pescara ha pubblicato un video in cui si vede un bambino di due anni (che ancora è sul passeggino) a cui il padre impartisce le prime lezioni di furto. Al piccolo infatti viene insegnato a rubare un pacchetto di patatine ad un chiostro mentre il giovane padre (uno degli undici indagati) lo incita a proseguire nell'azione illecita. "Dai, dai, vai non ti vede. Tu non vedi lei, lei non vede te", con queste parole l'uomo istruisce il figlio e lo induce a rubare il pacchetto di patatine, mentre da lontano lo filma con il cellulare. Una volta commesso il furto, sempre riprendendo la scena, interroga il piccolo e gli chiede, compiaciuto, una confessione: “Bravo – dice alla fine – primo furto a due anni“.

Le investigazioni hanno consentito anche di risalire ai canali a cui i malviventi si rivolgevano per ricettare la refurtiva e per rifornirsi di droga. Complessivamente è stata fatta luce, per quanto riguarda i soli reati contro il patrimonio, su undici episodi delittuosi.

 
caricamento in corso...
caricamento in corso...