Le cinque acque più mortali del pianeta: squali, scorie e non solo [VIDEO]

20 settembre 2016 ore 10:01, Lorenzo Ursica
Avete presente una tranquilla gita al lago o una passeggiata sul lungomare? Ancora un giro in barca, magari a vela, o addirittura su un pedalò? Scordatevi tutto questo perché stiamo per portarvi in quelle che sono considerate le cinque aree "d'acqua" più pericolose del pianeta.

Partiamo dal Lago Karachay, in Russia. Il più inquinato al mondo per gli sversamenti di scorie nucleari. Già nel 1990 se solo si tenevano i piedi in ammollo nelle sue acque si assorbiva una dose di radiazioni pari a 600 roentgen sufficiente a uccidere.Il lago si trova all'interno dell'area della Mayak Production Association, uno dei più grandi impianti nucleari della Russia. 
La spiaggia di New Smyrna è invece negli Stati Uniti, esattamente in Florida. Nessun problema di inquinamento, anzi. Bisogna però stare attentissimi agli squali, visto che ogni anno capitano circa cento incidenti in questa zona che presenta la più alta quantità di avvistamenti di pinne bianche. Occhio poi ai temporali: la quantità di fulmini è davvero impressionante.  
Sul podio non può mancare purtroppo Fukushima, in Giappone. Lo tsunami che devastò le coste del Giappone l’11 marzo 2011, spazzando via intere cittadine e causando circa 18mila vittime, danneggiò irreparabilmente anche la centrale di Fukushima-1. Per colpa delle radiazioni,le acque sono rimaste fortemente inquinate. 
Occhio poi al famigerato Triangolo delle Bermuda. Qui la spiegazione è quasi soprannaturale, non a caso la zona delimitata dalle Bermuda, Florida e Puerto Rico è detta anche "del Diavolo". Le prime sparizioni misteriose di navi e aerei risalgono addirittura al lontano 1945...
Infine l'Australia con le spiagge intorno a Fraser Island dove gli abitanti del mare sono pronti a rovinare il bagno (e spesso le vacanze) a chiunque decida di entrare in acqua. Non solo squali, ma anche meduse, fortissime correnti marine, ragni mortali e coccodrilli. Meglio stare alla larga dunque.





caricamento in corso...
caricamento in corso...