Marò, parla il perito Di Stefano: "Gli indiani sanno che sono innocenti. Renzi tace? Per l'Ilva e altro..."

31 luglio 2014 ore 14:58, Adriano Scianca
Marò, parla il perito Di Stefano: 'Gli indiani sanno che sono innocenti. Renzi tace? Per l'Ilva e altro...'
“Gli indiani? Sanno bene che i marò sono innocenti. E se Renzi non parla è perché deve salvaguardare degli interessi”. Luigi Di Stefano, già perito nel caso Ustica e autore di uno studio indipendente sulla vicenda di Latorre e Girone, commenta così l'ennesimo rinvio al 14 ottobre del processo per i due fucilieri di marina. Di Stefano, come commentare questa decisione della corte indiana? «Se ho contato bene si tratta del 32esimo rinvio. La situazione è quella che è, direi che siamo di fronte a una completa farsa. Va sottolineato che non stiamo rimandando un processo, perché il processo neanche siamo riusciti a iniziarlo. E infatti non è ancora stato depositato un capo d'accusa. È chiaro che c'è carenza di prove». Quindi, secondo lei, con questi continui rinvii l'India sta solo cercando di prendere tempo per raccogliere le prove? «Ormai le prove non le raccoglieranno più. Fin dal principio l'India ha tutto quel di cui ha bisogno: le vittime e le armi da cui secondo loro è partito il fuoco che le ha uccise. Hanno tutto, quindi. Eppure già 15 giorni dopo i fatti, l'India non ammetteva i periti balistici nominati dalla difesa. È una cosa strana, se fossero stati certi delle prove che avevano non c'era motivo di agire così. Per me è tutto molto semplice: gli indiani sono consapevoli che Girone e Latorre sono innocenti». Intanto Renzi non dà segni di vita, sull'argomento... «Dunque, facciamo un passo indietro. Il governo Monti non ha fatto nulla per salvaguardare determinati interessi economici. Il governo Letta si è distinto per aver agito come se la questione non esistesse. L'inerzia del governo Renzi, secondo me, si spiega con la questione Ilva». Qual è il nesso, scusi? «Il gruppo franco-indiano ArcelorMittal è interessato all'Ilva. Servono quasi due miliardi di euro per bonificare l'area. Il governo è convinto di aver trovato il pollo indiano da spennare, ma poi si scopre che il pollo forse non è così pollo e sta per abbandonare l'affare. Da qui il continuo ritornello: “Non indispettire gli indiani” con cui ci hanno ammorbato fin dall'inizio di questa storia, anche informalmente. Non dobbiamo indispettire gli indiani perché ci sono troppi interessi in ballo. Renzi, poi, aveva promesso di ricorrere a un arbitrato internazionale, ma ovviamente queste belle parole sono sfociate nel nulla». Lei è stato perito nel caso Ustica. Trova somiglianze? «Sì, ma c'è anche una grande differenza. Gli ostacoli alla ricerca della verità, nel caso Ustica, venivano da grandi dinamiche geostrategiche. C'era Gheddafi, c'era la Guerra fredda. Qui stiamo compiacendo solo qualche azienda privata». Nel frattempo c'è stata una forte protesta del Capitano di fregata Antonio Colombo, rappresentante del Cocer della Marina Militare. C'è malessere, negli ambienti militari? «Altroché! Il malessere c'è e io lo so bene, ho partecipato a tutte le manifestazioni sulla vicenda, con varie associazioni d'arma. La situazione è esasperante e frustrante».  
caricamento in corso...
caricamento in corso...