Champions o nulla, così l'Inter si gioca tutto (non solo Aubameyang)

10 febbraio 2016 ore 13:12, Micaela Del Monte
Nelle prossime 12 partite l'Inter si gioca tutto. Il suo futuro infatti dipende tutto dal terzo posto, ormai obiettivo minimo della squadra allenata da Roberto Mancini. L'accesso alla Champions League determinerà quella che sarà l'Inter della prossima stagione. I soldi ricavati dalla qualificazione, oltre a risanare il bilancio del club nerazzurro, permetterà anche di dare a Tohir e Moratti qualche possibilità in più di acquistare nuovi giocatori di livello in grado di poter dare qualcosa in più nella prossima stagione con la speranza di lottare per obiettivi molto più importanti. 

Obiettivi che erano stati predefiniti anche per quest'anno, ma nonostante la grande partenza di Mancini & co le cose sono cambiate. Se comunque le cose andassero come il club della Pinetina spera la lista della spesa per il mercato estivo è davvero lunga. La squadra è decisamente da rivedere nonostante i tantissimi soldi spesi la scorsa stagione che continueranno a pesare parecchio sulle tasche dell'Inter. 

Champions o nulla, così l'Inter si gioca tutto (non solo Aubameyang)
Per ora sembra che Roberto Mancini abbia intenzione di restare a prescindere dal piazzamento in classifica, e già questa può essere un'ottima notizia per i tifosi nerazzurri, soprattutto perché la permanenza del tecnico ex City darebbe continuità al progetto. L'allenatore di Jesi ha già in mente una nuova wish list per la prossima stagione, a cominciare da Ever Banega con cui l’Inter ha già trovato un accordo, e a sua volta il centrocampista argentino sta organizzando il suo addio al Siviglia al netto di una piccola penale legata al numero di presenze nel club andaluso. Banega arriverà a luglio a parametro zero, perché a prescindere dalla presenza o meno del Mancio nella prossima stagione, l’Inter necessita di un ragionatore del centrocampo.

Possibile colpo a parametro zero anche in difesa, dove è in arrivo uno tra l'uruguaiano Caceres (Juventus) e l'argentino Zabaleta (Manchester City, con passaporto spagnolo così come Banega). Intanto il terzino giapponese Nagatomo rinnoverà il contratto in scadenza a giugno per la prossima stagione con un'opzione per quella successiva.  Nello stesso club inglese gioca Yaya Touré (vecchio pallino di Mancini) che sarà messo sul mercato con l'arrivo in panchina di Guardiola. Per l'ivoriano ci sarebbero anche le opzioni Cina e Stati Uniti, ma l'Inter potrebbe diventare una nuova opzione seria e a meno dei 15 milioni di euro chiesti un'estate fa dal Manchester City. Sullo sfondo c'è poi Soriano della Sampdora, che ha una clausola di rescissione da 15 milioni. In uscita Felipe Melo è più fuori che dentro, mentre Brozovic potrebbe essere sacrificato in Premier League.  Se arrivasse una proposta indecente per Icardi (tra i 35 e i 40 milioni), nel mirino dei nerazzurri c'è l'ex milanista Aubameyang del Borussia Dortmund. 

Una lista lunga e molto costosa e l'Inter prima di poterla tenere in considerazione ha bisogno di battere le altre contendenti per il terzo posto. Roma, Fiorentina e Milan sono sempre alla finestra e tra alti e bassi sembrano tenere il ritmo (ultimamente in calo) dei nerazzurri. 
caricamento in corso...
caricamento in corso...